Coronavirus, M5S: emendamento per borse di studio e no tax area a studenti in difficoltà

Stampa

I parlamentari del MoVimento 5 Stelle nelle commissioni Cultura di Camera e Senato, in una nota congiunta.

In queste settimane i nostri atenei stanno dimostrando di essere all’altezza della grande sfida imposta dall’emergenza sanitaria, continuando a garantire lezioni, sedute di esami e di laurea a distanza, nonostante le oggettive difficoltà. Alcune problematiche, però, come quelle legate al conseguimento dei crediti formativi (cosiddetti CFU) necessari agli studenti per mantenere la borsa di studio e rientrare nella no tax area, possono essere superate solamente con specifiche previsioni normative”.

Con un emendamento al decreto Cura Italia puntiamo a risolvere la criticità legata ai CFU, prevedendo una deroga ai criteri che ad oggi impongono il loro conseguimento entro il 10 agosto: è chiaro che, data la situazione che stiamo vivendo, questa scadenza non potrà essere rispettata. Vogliamo quindi”, proseguono i portavoce, “che gli studenti che usufruiscono di questi benefici, cioè quelli già con difficoltà economiche, non restino doppiamente penalizzati. Se questo emendamento, proposto dal deputato Iovino su istanza delle associazioni studentesche nazionali che in questi giorni lavorano incessantemente, e sottoscritto dalle senatrici De Lucia, Floridia, Granato, Montevecchi, dovesse essere approvato come ci auguriamo, nessuno di questi studenti dovrà rinunciare alla borsa di studio o all’esenzione dalle tasse universitarie. Facciamo il possibile per garantire il diritto allo studio, anche durante questa emergenza”, concludono i parlamentari del MoVimento 5 Stelle

Stampa

Corso di perfezionamento in Metodologia CLIL: acquisisci i 60 CFU con Mnemosine, Ente accreditato Miur