Coronavirus, la Lombardia è zona rossa. Fontana all’attacco: “Uno schiaffo in faccia”

Stampa

“Comunicare ai lombardi e alla Lombardia, all’ora di cena, che la nostra regione è relegata in fascia rossa senza una motivazione valida e credibile non solo è grave, ma inaccettabile. A rendere ancor più incomprensibile questa decisione del governo sono i dati attraverso i quali viene adottata: informazioni vecchie di dieci giorni che non tengono conto dell’attuale situazione epidemiologica”.

Lo dice il presidente della Regione Lombardia, Attilio Fontana, commentando le parole del presidente del Consiglio, Giuseppe Conte.

“Le richieste formulate dalla Regione Lombardia, ieri e oggi, dunque – conclude Fontana – non sono state neppure prese in considerazione. Uno schiaffo in faccia alla Lombardia e a tutti i lombardi. Un modo di comportarsi che la mia gente non merita”.

Nuovo DPCM: ecco le Regioni gialle, arancioni e rosse. Quali scuole chiudono, cosa posso fare e cosa no

Nuovo DPCM, Conte: “L’Italia è divisa in tre zone, gialla, arancione e rossa. Le misure entrano in vigore dal 6 novembre” [VIDEO]

Stampa

Eurosofia: TFA SOSTEGNO VI CICLO, cosa studiare? Oggi alle 16.00 ne parliamo con gli esperti