Coronavirus, Locatelli: “L’eventuale attivazione della Dad per un periodo non è totem intangibile”

Stampa

“Teniamo presente e va rimarcato che gli effetti delle misure prese con il dpcm della scorsa domenica le vedremo tra il 9 e 10 novembre e l’impatto la settimana dopo, è un dato cruciale da tenere in considerazione”.

Lo afferma il presidente del Consiglio superiore di sanità e componente del Comitato tecnico scientifico, Franco Locatelli.

Poi afferma: “Mi faccia fare una considerazione personale: è un momento di nuovo difficile, serve coesione e quello spirito nazionale che ha caratterizzato l’Italia la scorsa primavera”.

Sulla scuola: “La scuola può essere una misura da considerare e l’eventuale attivazione di periodo di Dad non è un totem intangibile. Però la scuola forma non solo cultura, ma anche  cittadini. E’ sacrificabile solo tenendo ben presente il prezzo che le generazioni pagheranno”.

Infine: “Un numero consistente di italiani vaccinati credo che sia prevedibile ipotizzarlo per i primi mesi della primavera. Ci sono 11 vaccini all’ultima fase di sperimentazione è realistico che alcuni saranno approvati dalle autorità internazionali”.

Stampa

Eurosofia organizza la III edizione di [email protected] Aiutiamo i giovani a progettare il loro futuro in modo consapevole