Coronavirus, Locatelli: “La scuola è sicura. Basta bugie. Chiudere significa condannare i ragazzi alla deprivazione culturale e affettiva”

Stampa

Il presidente del Consiglio Superiore di Sanità, Franco Locatelli, in una lunga intervista al Foglio, parla della situazione delle scuole.

“Se vogliamo dire la verità bisogna avere il coraggio di dire che non è vero”, afferma al Foglio il presidente del Consiglio superiore di sanità, che elogia la “visione lucida” e “l’impegno massimo” di Lucia Azzolina.

“La nostra scuola è nelle condizioni di assicurare sicurezza degli studenti fino alla fine dell’anno scolastico. E lo scandisco. Fino alla fine dell’anno scolastico. La scuola deve essere tutelata al massimo come si fa con le attività lavorative”.

Secondo Locatelli “continuare con la didattica a distanza espone i ragazzi a una deprivazione sociale, culturale e affettiva”. Per questo “il sacrificio di chiudere le scuole deve essere fatto per periodi limitati e con l’obiettivo prioritario di riaprirle al più presto”.

Stampa

Con i 24 CFU proposti da Mnemosine puoi partecipare al Concorso. Esami in un solo giorno in tutta Italia