Coronavirus, l’Italia ha chiuso le scuole per il periodo più lungo in Europa

Stampa

L’Italia è il Paese europeo che ha chiuso le scuole per più tempo durante la pandemia, insieme a Spagna e Portogallo.

La Francia, invece, non ha praticamente mai chiuso completamente, così come Svezia e Islanda. La panoramica viene dai dati del Centro Europeo per il controllo delle malattie (Ecdc).

Le scuole italiane sono state le prime a chiudere, già agli inizi di marzo. Inoltre sono state chiuse per tutto il periodo fino alla metà di settembre, una data condivisa solo con Spagna, Portogallo e Bulgaria, che sono anche i tre paesi che hanno avuto il periodo di chiusura più lungo dopo il nostro.

Fra i paesi che invece hanno optato per provvedimenti meno rigidi ci sono Svezia e Islanda, che non hanno proprio chiuso, la Francia, che ha attuato solo chiusure parziali, la Danimarca e la Svizzera, dove il blocco è durato rispettivamente uno e due mesi.

 

Stampa

Acquisisci le indispensabili competenze sulla Didattica digitale integrata. Eurosofia ha creato un ciclo formativo tecnico/pratico