Coronavirus, maestro Limonta: insegnanti che assegnano troppi compiti hanno “ansia da prestazione”

Il maestro elementare e assessore all’edilizia scolastica Paolo Limonta spiega come gestire la didattica a distanza e cosa è meglio fare.

Il maestro e assessore consiglia ai genitori di far svolgere ai propri figli non più del 10% dei compiti assegnati, in modo che i bambini al rientro  a scuola possano ancora avere voglia di fare un sacco di cose.
Il messaggio su FB
“Appello a tutte le mamma e a tutti i papà di bambine e bambini che frequentano la scuola elementare.
Se avete maestre e maestri che stanno caricando i vostri figli di enormi quantità di lavori da fare e di pagine da studiare, siete in presenza del virus dell’ansia da prestazione di maestre e maestri.
La regola per combattere questo virus è una sola ed è molto semplice.
Fate svolgere ai vostri figli il dieci per cento di quello che vi sta arrivando da fare attraverso il famigerato registro elettronico.
Per il resto del tempo fategli leggere quello che vogliono, fategli guardare film, fategli costruire qualcosa, fateli perdere in uno strepitoso far nulla, fategli inseguire sogni, fateli sentirsi con gli amici, fateli restare tranquilli.
E, soprattutto, fatevi guidare da loro.
Quando non perdono stupidamente tempo seguendo indicazioni sbagliate, riescono sempre a essere geniali.
E quando rientreranno a scuola saranno felici e avranno voglia di fare un sacco di cose.
Nonostante le loro maestre e i loro maestri.
Che, comunque e per fortuna, sono una minoranza.
Fidatevi.
Ve lo dice uno che se ne intende tanto…”

Segui il nuovo ciclo formativo Eurosofia: “Educazione civica, cittadinanza attiva e cultura della sostenibilità a scuola”