Coronavirus, lavoro agile va comunicato al Dipartimento Funzione Pubblica. Le indicazioni

Lavoro agile e turnazioni: amministrazioni comunicano organizzazione attività lavorativa al Dipartimento della funzione pubblica.

Direttiva Ministero PA

Il Ministero per la Pubblica Amministrazione, come riferito, ha emanato la direttiva n. 2/2020, recante indicazioni in materia di contenimento e gestione dell’emergenza epidemiologica da COVID-19 nelle pubbliche amministrazioni di cui all’articolo 1, comma 2, del decreto legislativo 30
marzo 2001, n. 165.

Lavoro agile, ferie non godute e turnazione

Nella succitata direttiva, al fine di contenere il contagio del corononavirus, si prevede l’organizzazione del lavoro in modalità agile, dove possibile, e la turnazione dei lavoratori.

Indicazioni specifiche per i lavoratori della scuola sono state impartite con la nota dell’8 marzo e poi con quella del 10 marzo 2020, relative al solo personale ATA, essendo le attività didattiche sospese sino al prossimo 3 aprile.

Contingenti minimi assistenti amministrativi e tutto personale ATA, come procedere

ATA, richiesta lavoro agile: cosa fa il lavoratore e cosa il dirigente. Informativa su salute e sicurezza

Contingenti minimi collaboratori scolastici: criteri, organizzazione turni e motivazione assenze

Coronavirus, lavoro agile: quando è possibile per i dirigenti scolastici

Le indicazioni comunque sono precedenti alla direttiva n. 2/2020.

Comunicazione al Dipartimento per la Funzione Pubblica

Nella summenzionata direttiva, punto 9, è previsto quanto segue:

Le amministrazioni comunicano tempestivamente al Dipartimento della funzione pubblica a mezzo PEC al seguente indirizzo: [email protected] le misure poste in essere in attuazione della presente direttiva, con particolare riferimento alle modalità organizzative adottate per il ricorso al lavoro agile. La presente direttiva, che sostituisce integralmente la direttiva n. 1 del 2020 del Ministro per la pubblica amministrazione, potrà essere integrata o modificata in ragione
dell’evoluzione dell’emergenza sanitaria.

Alla luce di quanto sopra riportato, dunque, le amministrazioni devono comunicare al Dipartimento della funzione pubblica le misure adottate in attuazione della stessa direttiva, soprattutto in riferimento all’organizzazione del lavoro in modalità agile.

La comunicazione dovrebbe essere effettuata anche dalle scuole, anche se hanno attuato le modalità di lavoro agile ai sensi delle indicazioni Miur e della precedente direttiva del Ministro della PA che, come si legge sopra, sostituisce integralmente la precedente.

La comunicazione, come scritto nella Direttiva, va effettuata al seguente indirizzo email: [email protected]

Con i 24 CFU proposti da Mnemosine puoi partecipare al Concorso. Esami in un solo giorno in tutta Italia