Coronavirus, l’appello dei pediatri: “Tenete a casa i vostri figli, la salute prima di tutto”

Stampa

I pediatri pugliesi, così come segnala La Gazzetta del Mezzogiorno, lanciano l’appello: “Tenete a casa i vostri figli. In questo momento la Didattica a distanza è l’unica alternativa possibile, troppi contagi tra gli alunni”.

“Sono i dati forniti dalla Asl di Bari – spiega Luigi Nigri, vicepresidente nazionale della Fimp, la federazione italiana dei medici pediatri – a dimostrare che ha funzionato evitare che gli alunni tornassero in classe. Sia chiaro un aspetto: i pediatri non sono per principio contrari alla frequenza. Ci mancherebbe. Ma in questo momento il decorso dell’epidemia e il sistema di tracciamento non consentono di avere un’alternativa alla Dad. Noi apprendiamo in gran parte da genitori e studenti la positività degli scolari, a dimostrazione degli attuali limiti del contact tracing”.

Maria Chironna, biologa e responsabile del laboratorio di Epidemiologia Molecolare e di Sanità Pubblica del Policlinico, è dello stesso parere. “Il ritorno in presenza è un rischio in questo momento. E lo dico con la consapevolezza del grosso colpo che si rischia di dare a un mondo, quello della scuola, che meritava certamente di essere salvaguardato. I danni che il lockdown ha prodotto e può produrre su bambini e adolescenti sono inenarrabili e documentati. Ma la tutela della salute di tutti viene prima”.

Stampa

Cassetta degli attrezzi per i futuri insegnanti di sostegno. Il 20 agosto il primo incontro in diretta con gli esperti di Eurosofia