Coronavirus, l’affondo di Carlo Verdelli: “Non basta inserire l’educazione civica a scuola, bisogna imporla fin da subito”

WhatsApp
Telegram

Duro editoriale del giornalista Carlo Verdelli sul Corriere della Sera. Per l’ex direttore de La Repubblica “nessuna voce delle istituzioni, nessun esponente del governo o dei partiti di buon senso, ha sentito l’urgenza di provare a parlare ai ragazzi e dire loro la verità: i numeri dei contagi stanno tornando a crescere, l’età di chi entra nelle terapie intensive si sta abbassando, non fregatevi la vita e non fregatela a chi come voi ha sopportato e sopporterà sacrifici anche molto più pesanti rispetto alla rinuncia forzata a un po’ di libertà che vi è toccata in sorte”.

E poi: “Nessuno vuole rovinare il Ferragosto a nessuno, ma i bollettini dal fronte raccontano che forse c’è stata troppa fretta di rimuovere, prima di tutto dalle coscienze, i mesi funesti della pandemia e dei conseguenti lockdown”.

Poi l’affondo: “La trincea si è spostata, e ci stanno finendo dentro proprio ragazzi e ragazze, una generazione disabituata al senso di responsabilità collettiva, cresciuta senza maestri né riferimenti, facilmente manipolabile dal gatto e dalla volpe di turno. Non basta inserire l’educazione civica nei programmi didattici. Bisogna imporla da subito, con il dialogo ma anche con la franchezza necessaria, a chi è più esposto agli umori mutevoli dell’età e alle sirene malevoli dei cattivi esempi”.

WhatsApp
Telegram

TFA sostegno VIII ciclo 2023, diventa docente di sostegno: corso di preparazione, con simulatore per la preselettiva. 100 euro, a richiesta proroga di una settimana