Coronavirus, Galli: “Smart working e didattica a distanza, fare presto, tra 15 giorni sarà tardi”

Stampa

“Per evitare l’affollamento sui mezzi e nei luoghi d’attesa ritengo che si debba tornare ad implementare il lavoro da casa e l’insegnamento a distanza, dimezzando almeno nelle scuole superiori il numero giornaliero dei frequentanti ‘in presenza’”.

Così il direttore del reparto di Malattie infettive dell’ospedale Sacco di Milano, Massimo Galli, in un tweet.

E ancora: “Gli interventi proposti per arginare Covid saranno utili se troveranno effettiva applicazione. Ma tocca invertire la tendenza in tempi molto brevi. L’affollamento sui  mezzi di trasporto pubblico resta un problema irrisolto”.

A Fanpage rincara la dose: “C’è poco tempo per invertire la tendenza, tra 15 giorni sarà tardi. Bisogna fare grande attenzione alla situazione dell’area metropolitana di Milano. Abbiamo pochissimo tempo”.

Il medico rilancia quindi le ipotesi di una ripresa della smart working e della didattica a distanza.

Coronavirus, Crisanti: “Lockdown a Natale non si può escludere”

Stampa

Con i 24 CFU proposti da Mnemosine puoi partecipare al Concorso. Esami in un solo giorno in tutta Italia