Coronavirus, in Spagna è caos tra didattica in classe e a distanza: “Per il governo l’istruzione non è una priorità”

Stampa

Anche in Spagna, così come in Italia, si discute su cosa fare dell’istruzione scolastica al tempo dell’emergenza coronavirus.

Nel paese iberico vige un sistema ibrido, metà in presenza e metà a distanza, che ha scatenato un’ondata di lamentele da parte dei genitori: varia troppo a seconda della regione, della città, degli istituti e persino all’interno della stessa scuola, riporta il quotidiano iberico El Pais.

Il ministero dell’Istruzione si difende spiegando che aver ridotto il numero di studenti che ogni giorno frequentano l’istituto riduce i rischi di contagio.

Per Francisco García, del CCOO, il sindacato di maggioranza del settore scolastico in Spagna, tutto non è sufficiente: “Questo inizio caotico dell’anno scolastico mostra che l’istruzione non è una priorità politica” e chiede “il ritorno alla presenza in classe”.

Stampa

Eurosofia, scopri un modo nuovo e creativo per approcciarti all’arte: “Il metodo del diario visivo” ideato da Federica Ciribì