Coronavirus, in Francia la quarantena passa da 14 a 7 giorni

“Siamo più contagiosi nei primi 5 giorni dopo l’apparizione dei sintomi o che seguono la positività di un tampone. In seguito – ha spiegato Olivier Véran, ministro della Salute francese – la contagiosità diminuisce in modo netto, e dopo una settimana il virus resta ma molto debole”.

L’accorciamento della quarantena favorirà “una migliore adesione alla regola – secondo il ministro – poiché oggi registriamo che gran parte dei francesi non rispetta la quarantena”. 

La quarantena, secondo le norme in vigore in Francia, dura attualmente 2 settimane per i soggetti positivi al Covid e per chi è entrato in contatto con un soggetto infetto. Il Consiglio scientifico istituito dal governo francese ha espresso un parere “favorevole” alla proposta.

Il mondo dell’imprenditoria plaude all’intenzione del governo francese: “Sarebbe una piccola boccata d’ossigeno per le aziende in termini organizzativi. Sarebbe benvenuto”, ha dichiarato il presidente della Confederazione delle Piccole e Medie Imprese (Cpme), Francois Asselin, intervistato da France Info.

“Credo che intorno ai sette giorni sarebbe un periodo ragionevole”, ha aggiunto.

In Francia nelle ultime 24 ore sono stati confermati 4.203 nuovi casi di coronavirus, meno della metà della cifra record di 9mila registrata venerdì scorso. Le vittime sono invece 25. Sale così a 328.980 il numero dei contagi in Francia, mentre i decessi sono 30.726.

Con i 24 CFU proposti da Mnemosine puoi partecipare al Concorso. Esami in un solo giorno in tutta Italia