Coronavirus, il 1° settembre è domani: verificare le esigenze delle scuole e intervenire. Non lasciare docenti soli.

Stampa

Rita Cinti Luciani vicesegretaria PSI  – Il Coronavirus ha sconvolto le nostre vite in tutti i sensi:  ha mostrato la fragilità del nostro sistema sociale e la necessità di mettere finalmente in primo piano il ruolo della ricerca scientifica e dei ricercatori , fino a ieri sottopagati e destinati ad una infinita precarietà.

La scuola in questi mesi ha cercato di dare risposte grazie allo sforzo di migliaia di docenti che non hanno esitato a reinventarsi in mille modi dal punto di vista didattico per mostrare la vicinanza ai ragazzi , alle famiglie e non disperdere la funzione educativa e culturale che la scuola ricopre.

La DAD è uno strumento importante, peccato che moltissime famiglie siano sprovviste di strumenti tecnologici adeguati e molte aree del Paese non sufficientemente coperte.

Ma tant’è, quando ci si trova in fase emergenziale è necessario mettere il massimo impegno e senza polemiche cercare di fare il meglio.

Non sappiamo se torneremo a scuola a maggio, io temo di no, tuttavia in campo il governo ha messo due ipotesi.Su questo vedremo nelle prossime settimane.

La cosa di cui non sento parlare è cosa si sta programmando per settembre.

Esiste un quadro nazionale che simuli ipotesi di rientro tendo conto di distanze adeguate e quindi niente classi pollaio?

Forse sarebbe opportuno utilizzare questi mesi per fare un quadro generale , verificare le necessità in materia di edilizia scolastica ( classi), rispettivi organici regione per regione (quindi comune per comune) e intervenire subito in via d’urgenza.

Pensare di convivere con il virus significa infatti prevedere una certa sicurezza, per questo è necessario,a mio avviso, agire su entrambi i fronti : quello della didattica a distanza, garantendo copertura e strumenti adeguati per le famiglie, formazione seria per i docenti.

Sul fronte degli interventi strutturali  agire in via d’urgenza, come si è fatto con alcuni ospedali, perché la scuola rappresenta il luogo di formazione per eccellenza e non possiamo pensare di continuare a tamponare o arrivare ad inizio anno impreparati.

Questo è il momento di mostrare che il Paese ha a cuore il futuro delle giovani generazioni quindi niente attendismo e neppure lasciare alle singole autonomie scolastiche la soluzione del problema.

Stampa

Corso di perfezionamento in Metodologia CLIL: acquisisci i 60 CFU con Mnemosine, Ente accreditato Miur