Coronavirus, i dirigenti scolastici e la presenza degli ATA a scuola

WhatsApp
Telegram
ex

Inviato da Marco Moraschi – Il primo ministro ha fatto un decreto abbastanza chiaro, ma per i dirigenti scolastici non era sufficiente, allora il ministero dell’istruzione ha scritto una nota abbastanza chiara, ma per i dirigenti non è stato ancora sufficiente, allora anche i sindacati hanno scritto una nota abbastanza chiara, ma per i dirigenti scolastici i sindacati valgono quanto i loro dipendenti e quindi non è stato ancora sufficiente.

Allora forse il ministero dell’istruzione farà una nuova nota con cui toglierà ai dirigenti scolastici la possibilità decisionale riguardo la presenza degli ata a scuola e forse otterremo quello che era l’obiettivo del primo decreto. Ora si impone qualche riflessione sul ruolo dei dirigenti scolastici e sulla loro capacità di interpretare le direttive per emanare provvedimenti coerenti.

Temo che non sia una questione di compressione, ma un problema ideologico. Ho come l’impressione che in questi giorni la preoccupazione sia stata quella di trovare il modo migliore per giustificare l’ obbligo di stare in presenza, imposto a titolo personale.

Persone a lavoro anche se non necessario a rischio della propria salute e di quella della famiglia. Temo che questi comportamenti non potranno che avere ripercussioni sull’ambiente di lavoro che andranno ben oltre al periodo di emergenza.

WhatsApp
Telegram

Corso di perfezionamento in Metodologia CLIL: acquisisci i 60 CFU con Mnemosine, Ente accreditato Miur