Coronavirus, Giannelli (ANP): meno resistenze verso la tecnologia nella didattica

Sulla didattica a distanza “siamo procedendo sulla strada giusta ma siamo partiti da una estrema disomogeneità: molte scuole sono esperte ma altre sono a digiuno: in questi giorni c’è una osmosi di competenze e di conoscenze dalle une alle altre, l’atmosfera è positiva, serve tempo ma c’è una volontà di mettersi in gioco”.

Lo dice Antonello Giannelli, dirigente dell’Associazione nazionale presidi.
“Il nostro sistema sta evolvendo, vengono messe in campo meno resistenze ideologiche rispetto all’uso della tecnologia: il
risultato sarà positivo, avremo una scuola piu’ moderna piu’ in
linea con il XX secolo: se avessimo aspettato di doverlo fare
per convinzione avremmo atteso chissà quanto”.

Per quanto riguarda maturità il preside rassicura: le
commissioni terranno conto dell’anno scolastico particolare che i ragazzi stanno affrontando, “non ci sarà nessuna
penalizzazione. Oggi l’apprendimento non verte sulle nozioni ma sulle capacità di collegamento”.

Con i 24 CFU proposti da Mnemosine puoi partecipare al Concorso. Esami in un solo giorno in tutta Italia