Coronavirus, Gallo (M5S): Rai intervenga su palinsesto per diffondere cultura

Stampa

Ritengo importante l’appello dell’Associazione Nazionale Autori Cinematografici volto a pretendere dalla Rai una certa riaffermazione delle qualità più autentiche del servizio pubblico e della loro profonda vocazione civica, educativa e umanistica.

“Già lo scorso 3 marzo, a margine dell’audizione sull’istituzione di una commissione d’inchiesta sulle fake news, ero intervenuto sul tema sottolineando come in questo complicato periodo, la Rai avesse un ruolo fondamentale per contrastare lo spaesamento dei cittadini: è necessario sia lavorare sull’educazione del cittadino del ventunesimo secolo – per contrastare il rischio di una barbarie culturale – sia promuovere una nuova carta etica per la nostra informazione che però non rimanga nel ristretto campo degli addetti ai lavori, a maggior ragione in un’epoca in cui ciascuno di noi rispetto ai media è ormai in qualche modo prosumer, produttore e consumatore al tempo stesso di contenuti informativi”. Lo dichiara in una nota Luigi Gallo, deputato del MoVimento 5 Stelle e presidente della Commissione Cultura, Scienza e Istruzione, in merito all’appello dell’Anac mandato ad alcune cariche istituzionali.

“Mai come in questo momento il servizio pubblico è chiamato a rivestire la sua funzione di collante sociale, strumento educativo e veicolo di cultura. Per questo il nostro impegno è volto a pretendere una Rai all’altezza dell’emergenza che stiamo vivendo, troppe volte ancora non lo è”, conclude la nota.

Stampa

Corso di perfezionamento in Metodologia CLIL: acquisisci i 60 CFU con Mnemosine, Ente accreditato Miur