Coronavirus, Galli: “Restate a casa il più possibile. So che è impopolare, ma è di gran lunga meglio”

Stampa

“Non posso che raccomandare a tutti di restare a casa il più possibile”. Lo ripete parlando all’Adnkronos l’infettivologo Massimo Galli, primario all’ospedale Sacco di Milano e docente all’università degli Studi del  capoluogo lombardo.

Così come l’ipotesi di un nuovo lockdown per zone mirate d’Italia, fra cui la stessa Milano, “non può non essere considerata” secondo l’esperto, “so che anche questa di rimanere a casa non è un’indicazione popolare. Mi è capitato frequentemente – confida – di sentirmi dire ‘lei dovrebbe raccomandare di uscire con prudenza, non di stare a casa’. No, io lo ripeto: questo – insiste Galli – è il momento in cui non posso che dire ‘se potete state in casa che è gran meglio'”.

Stampa

Concorso STEM. Minicorso di inglese e informatica, simulatori disciplinari consulenze Skype. Nuovi percorsi rapidi, mirati e intensivi