Coronavirus, fase 2: spostamenti solo all’interno della regione, ma con cautela

Stampa

Il Governo sta lavorando alla Fase 2 per organizzare il rientro al lavoro ed allentare un po’ le misure di contenimento del contagio da Covid 19.

Molti sono i problemi da affrontare per garantire la sicurezza: le misure sono state presentate alle parti sociali, mentre siamo in attesa di quello che presenterà il Comitato tecnico-scientifico.

La parola d’ordine è cautela, non bisogna far risalire la curva epidemiologica: si riapriranno alcune attività, ma senza stravolgere, importante rafforzare i protocolli di sicurezza negli ambienti di lavoro, ma anche nei trasporti, che preoccupano non poco il premier Conte.

Probabilmente gli spostamenti saranno  possibili all’interno della stessa regione, ma anche quelli cittadini devono essere effettuati in sicurezza.

Ecco a riguardo cosa ha postato il premier su FB:”Non possiamo limitarci a pretendere, da parte della singola impresa, il rispetto del protocollo di sicurezza nei luoghi di lavoro che pure abbiamo predisposto per questa epidemia. Dobbiamo valutare anche i flussi dei lavoratori che la riapertura di questa impresa genera. Le percentuali di chi usa i mezzi pubblici, i mezzi privati, in quali orari, con quale densità. Come possiamo garantire all’interno dei mezzi di trasporto la distanza sociale? Come possiamo evitare che si creino sovraffollamenti, le famose “ore di punta”? Come favorire il ricorso a modalità di trasporto alternative e decongestionanti?”.

Il piano della fase due verrà annunciato entro la fine della settimana.

Stampa

Eurosofia: Analisi Comportamentale Applicata (ABA) tra i banchi di scuola. Non perderti questa grande opportunità formativa