Coronavirus ed Erasmus+, 47mila studenti all’estero: con quali voli rientrano?

Emergenza sanitaria per il diffondersi del contagio da Coronavirus: voli fermi da e per l’Italia. Ma all’estero ci sono gli studenti Erasmus+.

La preoccupazione è soprattutto per coloro che si trovano nei Paesi in cui si registra una crescita importante e veloce dei contagi da Covid-19, per esempio la Spagna. A preoccupare ancora di più è la mancanza di una linea fra università, come sottolineato anche da Il Sole 24 Ore.

Sono circa 47mila gli studenti che nell’anno accademico 2018/19 sono partiti con le borse di studio Erasmus, altrettanti sono partiti nell’anno in corso. Si trovano per la maggior parte in Francia, Germania, Spagna. Paesi in cui si sta diffondendo il Coronavirus, con caratteristiche pandemiche, come affermato dall’Oms pochi giorni fa.

La Commissione europea ha recentemente fornito delle indicazioni a riguardo, informando che è possibile rientrare in Italia facendo valere una “causa di forza maggiore” per vedersi riconosciuta la borsa di studio ed eventuali rimborsi spese.

 

Con i 24 CFU proposti da Mnemosine puoi partecipare al Concorso. Esami in un solo giorno in tutta Italia