Coronavirus, Di Maio: se i nostri figli vanno a scuola, anche gli stranieri possono venire qui

Il ministro degli Esteri Luigi Di Maio in conferenza all’Associazione Stampa Estera, parla del coronavirus e in particolare dell’alto numero di controlli effettuato in Italia.

Non possiamo essere colpevoli di aver fatto più controlli di tutti. Abbiamo fatto 1000 tamponi, non può essere una colpa“, ha detto Di Maio.

La diffusione del coronavirus – ha aggiunto – riguarda in Veneto lo 0,2% e in Lombardia lo 0,5% del territorio, vale a dire lo 0,1% del territorio nazionale. In questo momento in Italia, senza voler minimizzare, sono coinvolti poco più di dieci comuni. Se i nostri figli vanno a scuola nella maggioranza delle scuole questo significa che anche gli stranieri possono venire qui come turisti e come investitori“.

Con i 24 CFU proposti da Mnemosine puoi partecipare al Concorso. Esami in un solo giorno in tutta Italia