Coronavirus, Decreto cura Italia: fondi per il pagamento delle supplenze temporanee. Possibile nominare altri supplenti

Stampa

Coronavirus: il decreto Cura Italia si occupa di garantire la continuità occupazionale dei docenti supplenti temporanei e nello stesso tempo di assumere nuovi docenti, se necessario, per potenziare le attività di didattica a distanza. 

Ecco il passo presente nel testo definitivo del decreto. Il testo naturalmente potrà ancora subìre delle modifiche nella discussione per la conversione in Legge.

“Misure per favorire la continuità occupazionale per i docenti supplenti brevi e saltuari”

1. Al fine di favorire la continuità occupazionale dei docenti già titolari di contratti di supplenza  breve e saltuaria, nei periodi di chiusura o di sospensione delle attività didattiche disposti in  relazione all’emergenza sanitaria da COVID-19, il Ministero dell’istruzione assegna comunque
alle istituzioni scolastiche statali le risorse finanziarie per i contratti di supplenza breve e  saltuaria, in base all’andamento storico della spesa e nel limite delle risorse iscritte a tal fine  nello stato di previsione del Ministero dell’istruzione, dell’università e della ricerca. Le  istituzioni scolastiche statali stipulano contratti di docenza a tempo determinato, nel limite
delle risorse assegnate ai sensi del primo periodo, al fine di potenziare le attività didattiche a  distanza presso  le istituzioni scolastiche statali.

Risorse finanziarie per il perfezionamento dei  contratti a tempo determinato di supplenza breve  e saltuaria

Il Ministero, nonostante la sospensione delle lezioni, finanzia il fondo per i contratti di supplenza saltuaria.

Ciò ha due conseguenze:

  • viene garantita la continuità occupazionale dei docenti assunti con contratto di supplenza breve alla data di sospensione delle lezioni, qualora la supplenza prosegua in questo periodo
  • viene garantita la possibilità  – se ci sono le risorse finanziarie – di assunzioni di nuovi docenti per sopperire all’assenza di docenti che comunicano la loro assenza in questo periodo.

Le risorse finanziarie disposte con il Decreto Cura Italia vanno utilizzati in primis per la sostituzione del personale docente assente e, in misura inferiore, per il personale ATA.

 

Stampa

Didattica digitale integrata. Eurosofia ha creato un innovativo ciclo formativo per acquisire le competenze specifiche