Coronavirus, Crisanti: “Non si è fatto abbastanza, la situazione è molto preoccupante”

Stampa

“La situazione è sicuramente molto  preoccupante, lo dicono i numeri. Anche retrospettivamente, guardando
a come stavamo a fine giugno e luglio quando avevamo 150 casi, sicuramente i numeri di oggi dimostrano che non si è fatto abbastanza per consolidare questi risultati. A questo punto rimangono le solite  misure restrittive, che speriamo riducano i contagi e che non si arrivi a misure estreme di lockdown”.

Lo ha detto a ‘Buongiorno’ su  Sky Tg24, Andrea Crisanti, ordinario di Microbiologia all’Università di Padova.

“Rimane sempre il problema di come consolidare i guadagni fatti riducendo la trasmissione. Una volta ridotta la trasmissione, supponendo di tornare ad avere pochi casi al giorno, quali strumenti abbiamo per tenerli bassi? Altrimenti si continua con questa altalena che è distruttiva per la qualità della vita che per l’economia“, ha concluso.

Stampa

Cassetta degli attrezzi per i futuri insegnanti di sostegno. Il 20 agosto il primo incontro in diretta con gli esperti di Eurosofia