Coronavirus, Conte: “chiudiamo attività commerciali”. Scuole restano aperte con attività didattiche sospese

Stampa

Nuova stretta nel contrasto al coronavirus. Il premier, Giuseppe Conte, parla in diretta Facebook in un discorso che annuncia nuove misure.

“Un primo passo e ragionevolmente non sarebbe stato l’ultimo. Bisogna procedere gradualmente, per predisporsi ai cambiamenti.”

“Un passo in più, quello più importante – ha detto Conte – . L’Italia sarà sempre zona  unica, disponiamo chiusura di vendita al dettaglio, ad eccezione generi alimentari e farmacie. Non è necessario corsa ai supermercati, chiudiamo negozi, bar, pub, ristoranti. Solo consegne a domicilio. Chiudono mense e parrucchieri. Nelle attività produttive vanno incentivate le ferie. Industrie e fabbriche potranno svolgere attività, ma con protocolli sicurezza.”

“Resta garantito lo svolgimento servizi pubblici: trasporti, bancari, finanziari, settore agricolo e zootecnico.”

Conte annuncia la nomina di un commissario per le terapie intensive con “ampi poteri”: Domenico Arcuri.

Sulla scuola il Primo Ministro non ha detto nulla, così come per i servizi legati all’amministrazione. Pertanto le disposizioni dovrebbero restare come da ultimo decreto, con attività didattiche sospese e scuole aperte.

Stampa

Corso di perfezionamento in Metodologia CLIL: acquisisci i 60 CFU con Mnemosine, Ente accreditato Miur