Coronavirus: promuovere con i voti del primo quadrimestre e recuperare il prossimo anno. Altra ipotesi

Stampa

Emergenza Coronavirus: dopo le parole del Ministro in Senato, sono numerose le ipotesi che circolano sulla prosecuzione dell’anno scolastico e sulle modalità per assicurarne la validità non tanto dal punto di vista formale ma da quello degli apprendimenti. 

Le testate giornalistiche offrono ipotesi che al momento non sono verificate: da un lato la proposta dei Dirigenti Scolastici di proseguire la didattica a distanza anche a luglio e agosto, dall’altra quella di un prolungamento di quest’anno scolastico o di un rientro “prima possibile” il prossimo anno scolastico.

Ancora nulla di definitivo, tante ipotesi alle quali si aggiunge quella indicata da Corrado Zunino su Repubblica  “Nei prossimi giorni il ministero valuterà l’ipotesi di fotografare i voti delle pagelle di febbraio e traslarli a settembre chiedendo un forte recupero, a chi ha insufficienze, nei primi mesi dell’anno 2020-2021.”

Una ipotesi quest’ultima che per la verità potrebbe incontrare il plauso dei docenti alle prese con le difficoltà della didattica a distanza non tanto per l’erogazione quanto per la valutazione, che non può essere paragonata a quella delle attività svolte in classe.

E se da un lato si può parlare di valutazione formativa, dall’altro anche da questo punto di vista bisognerà assumere una decisione.

Stampa

Corso di perfezionamento in Metodologia CLIL: acquisisci i 60 CFU con Mnemosine, Ente accreditato Miur