Coronavirus, come si gestisce il caso di uno studente sintomatico a scuola? Azzolina risponde [VIDEO]

Durante la trasmissione “In Onda” su La7, giovedì 6 agosto, la ministra dell’Istruzione, Lucia Azzolina, ha parlato in merito al caso di uno studente sintomatico a scuola.

Ecco le parole della ministra

Inoltre nel protocollo si legge dell’obbligo di informare tempestivamente il Dirigente scolastico o un suo delegato della presenza di qualsiasi sintomo influenzale durante l’espletamento della propria prestazione lavorativa o della presenza di sintomi negli studenti presenti all’interno dell’istituto”.

Si tratta di una misura che, con molta probabilità, risponde a quei casi in cui gli studenti vengano mandati a scuola nonostante i sintomi. Ricordiamo, infatti, che il controllo spetta ai genitori a casa. Docenti ed ATA rappresenteranno una sorta di garanzia di quanto le famiglie dovranno fare.

PROTOCOLLO DI SICUREZZA (clicca qui)

Ritorno in classe, le regole per emergenza Covid: piani scuola, linee guida, distanziamento. Le info utili

Leggi anche

La sintesi del Ministero

Ritorno in classe, sì all’ora di lezione più breve, ma diritto all’istruzione deve essere garantito

Ritorno in classe, istituito un help desk per supporto psicologico per docenti e studenti

Protocollo di sicurezza, con 37.5 di temperatura si deve restare a casa

Protocollo di sicurezza, lo studente potrà essere accompagnato a scuola solo da un genitore

Rientro a settembre, docenti ed ATA obbligo di informare il dirigente in caso di sintomi Covid

Ritorno in classe, disposizioni sulle modalità di ingresso e uscita. Cosa dice il protocollo

Ritorno in classe, cosa fare in caso di persona positiva a scuola. Le indicazioni

Ritorno in classe, firmato protocollo di sicurezza. Cosa è previsto per la gestione degli spazi comuni

Ritorno in classe, firmato protocollo di sicurezza. Cosa si prevede per igiene e mascherine

Con i 24 CFU proposti da Mnemosine puoi partecipare al Concorso. Esami in un solo giorno in tutta Italia