Coronavirus, didattica a distanza e classi virtuali: ecco le indicazioni del Ministero. Prevista formazione per i docenti e dirigenti

Stampa

Il Ministero ha emanato specifica nota con la quale vengono date indicazioni per l’avvio delle classi virtuali e per la formazione del personale della scuola per affrontare l’emergenza Coronavirus e la sospensione delle attività didattiche.

Formazione per i docenti

Il Ministero ha dato mandato ai referenti del PNSD presso gli Uffici scolastici regionali, le équipe formative territoriali, le istituzioni scolastiche individuate quali poli formativi innovativi “Future labs”, di dedicare una specifica attenzione allo sviluppo dell’apprendimento a distanza, adottando misure di supporto, accompagnamento, formazione e assistenza da remoto, per l’utilizzo degli strumenti digitali di apprendimento a distanza, in favore dei dirigenti scolastici, degli animatori digitali, dei team per l’innovazione, dei docenti stessi

Scuole dovranno avviare apprendimento a distanza

Le istituzioni scolastiche della scuola primaria e secondaria, nell’ambito della propria autonomia, attivano o potenziano modalità di apprendimento a distanza, ottimizzando le risorse didattiche del registro elettronico e utilizzando classi virtuali e altri strumenti e canali digitali per favorire la produzione e la condivisione di contenuti. È essenziale, nella definizione delle modalità di intervento, il più ampio coinvolgimento della comunità educante, anche al fine di offrire esperienze di mutuo aiuto e di formazione peer to peer.

Materiali a disposizione

La sezione dedicata alla didattica a distanza, presente sul sito del MI alla URL: https://www.istruzione.it/coronavirus/didattica-a-distanza.html, in continuo aggiornamento, contiene:

  • indicazioni per il “tutoring”: le scuole potranno mettersi in contatto, anche tramite la rete INDIRE, con scuole già esperte di didattica a distanza e che intendano mettersi a disposizione per socializzare le pratiche di utilizzo di ambienti di apprendimento virtuali;
  • disponibilità di piattaforme di fruizione di contenuti didattici, assistenza alla community scolastica e piattaforme di collaborazione online. Tali soluzioni sono offerte da operatori di settore a titolo gratuito per l’Amministrazione e le istituzioni scolastiche e rispondono a specifici requisiti tecnici (oltre alla completa gratuità, la qualificazione Agid, l’osservanza della normativa in materia di dati personali, sicurezza, affidabilità, scalabilità, divieto di utilizzo per fini commerciali di dati, documenti e materiali di cui gli operatori vengano in possesso);
  • materiali multimediali offerti da soggetti qualificati.

Scarica la nota

Stampa

Corso di perfezionamento in Metodologia CLIL: acquisisci i 60 CFU con Mnemosine, Ente accreditato Miur