Coronavirus, “chiudere le scuole”: l’extrema ratio del governo per evitare il lockdown totale

Stampa

Evitare il lockdown e sulle ripercussioni socio-economiche nel Paese. Lo spettro della chiusura totale per porre freno all’avanzata del virus aleggia sul governo. Si tratta, però, di una misura estrema e che potrebbe attivarsi solo in determinate condizioni.

La principale è che si verrebbero a occupare 2500 posti di terapia intensiva negli ospedali. Così come segnala La Repubblica, gli esperti del Comitato tecnico scientifico hanno già avvertito il governo: bisognerà aspettare un paio di settimane per verificare se l’incidenza delle ultime restrizioni sarà in grado di abbassare la curva del contagi.

Scuole chiuse in 6 regioni, didattica a distanza minimo 75% in altre: le ordinanze regionali [AGGIORNATO]

Cosa succederà, però, se la curva dei contagi rimarrà sempre sopra il livello di guardia? Il governo pensa a tre opzioni nel segno della “gradualità e proporzionalità”. Prima mossa, i lockdown territoriali, magari limitati ai centri urbani più colpiti che, su richiesta dei governatori, potranno essere isolati. Quindi, la chiusura dei confini regionali. Infine l’estensione della didattica a distanza, ma solo come estrema ratio, a tutta la scuola.

Covid-19, Conte: Italia scenario tre, previste lezioni scaglionate per la scuola

Stampa

Con i 24 CFU proposti da Mnemosine puoi partecipare al Concorso. Esami in un solo giorno in tutta Italia