Coronavirus, Bonetti: congedi a mamme e papà, voucher babysitter e assegno figli. Bambini con mascherine nei parchi

Stampa

La ministra della Famiglia Elena Bonetti a Un Giorno da Pecora: se bambini nei parchi dovranno indossare mascherine e guanti? Perché no, con capacità creativa, gioco è strumento straordinario anche per imparare distanziamento e uso mascherine

Se i genitori torneranno a lavoro con l’attivazione della Fase 2, dove lasceranno i proprio figli? “Dobbiamo evitare che accada lo scenario-incubo di tante famiglie: i genitori che vanno a lavorare e non sanno dove lasciare i figli, con uno dei due che poi è costretto a stare a casa. Vorrei evitare di arrivare a questo punto perché poi temo che a stare a casa sarà la donna”. Così a Un Giorno da Pecora, su Rai Radio1, la ministra per la Pari Opportunità e la Famiglia Elena Bonetti. Qual è la soluzione allora? “Da una parte estendere i congedi parentali divisi tra le mamme e i papà, poi io ho proposto il voucher babysitter già nel primo decreto ed ora l’assegno per i figli. Il tema grande da strutturare è quello di una rete di servizi a sostegno delle famiglie, con la possibilità di riattivare quelle esperienze educative che creino delle attività ludiche, ricreative e di custodia per i figli. Specie per i mesi di giugno, luglio e agosto”. Secondo lei i parchi riapriranno con la Fase2? “Io ho fatto una proposta che consenta l’utilizzo degli spazi aperti delimitati per far poter far fare attività motorie e ludiche per i bambini, in modo custodito, con gli ingressi contingentati e con il distanziamento tra le persone”.

Anche i bambini, se potranno giocare nei parchi, dovranno indossare guanti e mascherine? “E perché no? – ha detto la ministra a Rai Radio1 – Se serve per difendere la nostra popolazione dalla diffusione del virus si, anche con quella capacità di creatività. Il gioco è uno strumento straordinario, anche per imparare le regole del distanziamento personale e per utilizzare guanti e mascherine”.

Lei scaricherà la app Immuni se e quando sarà disponibile? “Si, perché ritengo che ci sia una responsabilità che abbiamo anche nei confronti degli altri”.

Stampa

Il nuovo programma di supporto gratuito Trinity per docenti di lingua inglese