Coronavirus, Azzolina: in scuole pubbliche famiglie pagano solo retta mensa

Stampa

La Ministra dell’istruzione Lucia Azzolina al Question time alla Camera dei Deputati ha chiarito sul pagamento delle rette scolastiche in questo periodo di emergenza sanitaria.

La frequenza delle istituzioni scolastiche statali di ogni ordine e grado e
delle scuole paritarie dell’infanzia a gestione pubblica è gratuita.
Pertanto, è a carico delle famiglie degli studenti che frequentano queste
scuole la sola retta per la fruizione del servizio mensa, utilizzata
prevalentemente dai bambini delle sezioni a tempo normale della scuola
dell’infanzia e dagli alunni delle classi a tempo pieno della scuola primaria.
Tali rette vengono versate, in forma diretta o indiretta, all’ente locale quale
soggetto titolare della gestione del servizio di refezione scolastica che, nel
periodo di sospensione delle attività didattiche in presenza, non è
evidentemente, erogato“.

In merito invece alle scuole primarie, secondarie di primo grado e di
secondo grado a gestione privata, occorre ricordare che la frequenza delle
stesse è subordinata al pagamento di una retta a carico delle famiglie – chiarisce Azzolina -. A tale
riguardo, occorre rilevare che, a normativa vigente, non rientra nelle
competenze del Ministero dell’istruzione consentire l’esenzione dal
pagamento di tali rette, la cui entità, come noto, è determinata dalla singola
istituzione scolastica.

Anche la frequenza dei servizi educativi sia pubblici che privati per bambini
dalla nascita sino ai tre anni di età è soggetta al pagamento di una retta da
parte delle famiglie.
In merito l’Associazione Nazionale Comuni italiani (ANCI) ha comunicato
che la quasi totalità dei comuni, di fatto, ha già sospeso le rette per tutti i
servizi educativi, anche quelle relativi al servizio di trasporto e mensa e in
taluni casi è stato disposto il recupero, a favore delle famiglie, delle rette
versate in anticipo“.

Stampa

Didattica digitale integrata. Eurosofia ha creato un innovativo ciclo formativo per acquisire le competenze specifiche