Coronavirus, Azzolina: docenti a casa non perderanno stipendio. Possibile chiusura scuole solo provinciale

Il Ministro Azzolina interviene sulla questione Coronavirus affrontando alcuni temi di interesse per i docenti e per le famiglie che si trovano nelle aree a rischio. Oggi incontro con i sindacati.

Possibili chiusure scuola localizzate

Se le misure prese per arginare la diffusione del coronavirus “avranno effetti immediati, dalla prossima settimana si può pensare a chiusure delle scuole su base provinciale, legate alle zone del focolaio” e non più a livello regionale come ora. Lo ha detto il ministro dell’Istruzione Lucia Azzolina a Radio 24 sottolineando che ogni decisione deve essere presa “in accordo con le autorità sanitarie”.

Trattenuta per assenza malattia

“Gli insegnanti non sono a casa per malattia ma per causa di forza maggiore, non avranno una trattenuta” dallo stipendio. Lo ha precisato il ministro dell’Istruzione Lucia Azzolina a Radio 24 riferendosi ai docenti che non possono andare a scuola nelle regioni in cui sono stati chiusi gli istituti a causa del coronavirus. “E’ come se i docenti fossero andati a scuola normalmente”, ha detto.

Oggi incontro con i sindacati

Questi ed altri temi saranno oggetto di approfondimento oggi con i sindacati. Questi ultimi saranno informati sulle misure che l’Amministrazione intende adottare in seguito alla diffusione del Covid-19, dalla sospensione dei viaggi di istruzione all’interruzione dei servizi scolastici.

Coronavirus, pubblicato Decreto nuove direttive: sì didattica a distanza, stop a gite fino al 15 marzo e certificati medici per rientrare a scuola. Scarica il PDF

Preparazione concorsi, TFA e punteggio in graduatoria con CFIScuola!