Coronavirus, scuole chiuse: si rientra a settembre? Tre scenari. “anno scolastico salvo in qualsiasi caso”

Stampa

Emergenza Coronavirus: anche stamattina il Ministro Azzolina ai microfoni di Radio Anch’io su RAi RAdio 1 ha assicurato sulla validità dell’anno scolastico 2019/20 per gli studenti di tutti gli ordini di scuola. 

Per quanto riguarda la data di riaperture delle scuole, anche se dopo le parole del Premier Conte è data per certa la proroga della sospensione delle lezioni, non ci sono ancora date per fissare un possibile rientro.

La Ministra assicura che al Ministero si lavora per tutti i possibili scenari  “ma saranno le autorità sanitarie a dirci esattamente quando i nostri studenti potranno ritornare a scuola in sicurezza”

Al Ministero intanto – anticipa Repubblica – si lavora per organizzare questi possibili scenari.

Le date tenute in considerazione sono tre: metà aprile, metà maggio, oppure la decisione più drastica e più temibile perché sottintenderebbe una situazione ancora più grave a livello sanitario, di non dover ritornare sui banchi per l’ultimo scorcio di anno scolastico. Ma al momento sono solo ipotesi, sulle quali bisogna comunque lavorare per non farsi trovare impreparati.

In ogni caso l’anno scolastico si concluderà a giugno, come ogni anno. Considerando valida la didattica a distanza messa in atto in queste settimane, fin dalla prima emergenza

non prevedo allungamenti, non sarebbero giusti per coloro che si stanno impegnando sulle lezioni online” ha affermato la Ministra.

Numerose le problematiche da affrontare: da un lato stare vicino agli studenti, dall’altro proseguire nelle attività, valutazione compresa. Un rompicapo che ogni docente sta affrontando al meglio della propria professionalità.

Dall’altro i problemi tecnici di device e connessioni, al quale il Ministero conta di poter dare presto una risposta.

Stampa

Corso di perfezionamento in Metodologia CLIL: acquisisci i 60 CFU con Mnemosine, Ente accreditato Miur