Coronavirus, Anief chiede proroga contratti supplenti fino al 31 agosto, fondamentali per didattica a distanza

WhatsApp
Telegram

Anief – In situazioni di emergenza nazionale i docenti sono, come i medici, un punto di riferimento per le famiglie

Nell’intervento pubblicato il 16 marzo con un video su Facebook, la Ministra dell’Istruzione Lucia Azzolina ha ribadito, fra le altre cose, l’intenzione di bandire a breve i concorsi per il reclutamento di docenti nella scuola secondaria di I e II grado.

In un momento in cui, a causa dell’attuale emergenza sanitaria, i docenti ed educatori si ritrovano oberati di lavoro per riuscire a mettere in pratica una modalità di didattica a distanza, dalla Ministra esplicitamente richiesta, appare perlomeno inopportuno catapultare sulle migliaia di precari della categoria impegno aggiuntivo e ulteriore pressione per prepararsi ad affrontare l’iter concorsuale.

L’improvvida intenzione della Ministra Azzolina, che a quanto pare è condivisa anche dal Presidente del Consiglio Conte e dalla Ministra per la Pubblica Amministrazione Dadone, sembra non tenere conto della gravosità del compito che viene richiesto in questo momento al personale docente della scuola. Gli insegnanti, oltre a produrre materiali didattici per gli studenti, a registrare audio e video lezioni, a tenere videoconferenze a volte anche per dieci classi, devono contestualmente formarsi in maniera autonoma sull’utilizzo di piattaforme e software finora sconosciuti. Questo a proprie spese, poiché per i precari non è previsto il bonus docente. Tutto ciò mentre magari devono dedicare energie allo studio dei propri figli e devono condividere gli strumenti informatici e tecnologici con mariti e mogli, compagni e compagne, i quali anch’essi stanno lavorando da casa. Ma quel che è ancora più grave è la poca sensibilità verso gli insegnanti colpiti da coronavirus o dai familiari dei docenti che sono costretti a curarsi, a tentare di sopravvivere e sarebbero ingiustamente esclusi dai concorsi.

L’Italia soffre, è ferita. L’Anief propone di dare continuità didattica prorogando tutti i contratti in essere al 31 agosto per proseguire la didattica a distanza. L’Anief chiede al governo di non togliere i punti di riferimento ai giovani: i loro insegnanti.

La soluzione per evitare di gettare sull’orlo dell’esaurimento quasi metà della classe docente italiana è già pronta e l’Anief lo ripete da tempo immemorabile: immissione in ruolo di tutti i docenti e di tutto il personale educativo, che da anni tengono in piedi il sistema scolastico italiano, assumendoli dalle GaE, dalle graduatorie d’istituto di seconda e terza fascia, scegliendo in base alle graduatorie già in essere in base al punteggio maturato, non facendo alcuna distinzione tra insegnanti del sistema scolastico nazionale, come vergognosamente si è voluto fare. A partire dalla proroga del contratto scolastico in essere in questo momento emergenziale, nella stessa scuola dove è attualmente in corso la supplenza. L’Anief chiede di non togliere ai ragazzi che magari hanno già subito perdite in famiglia gli insegnanti il prossimo settembre.

Seguendo l’esempio di quanto deciso per l’ambito sanitario, in cui verranno assunti senza concorso 20.000 persone fra medici, infermieri e Oss, si potrebbe fare altrettanto in ambito scolastico, sanando finalmente l’ingiustizia che per anni si è protratta ai danni dei docenti e degli educatori precari. A differenza dei medici, gli insegnanti presenti nelle GaE nelle seconde e terze fasce delle pubbliche graduatorie hanno oltre al titolo di studio, esperienza, ovvero sono lavoratori a tutti gli effetti. Anzi sono un punto di riferimento in questa emergenza sanitaria mondiale. Entrano nelle famiglie, nelle case, portando istruzione, rassicurazione, conforto.

Infine, uno sguardo al fattore economico. Quando finirà la pandemia, nessuno sa il mese o il giorno, ma il nostro Paese sarà in ginocchio: l’economia schiacciata, il welfare da rivedere. In una situazione così critica, il governo non deve sprecare risorse pubbliche utili per risollevare l’Italia, non deve scialacquare denaro dei cittadini per onerosi concorsi, perché gli insegnanti ci sono e si sono autoformati anche alla didattica innovativa a distanza, a proprie spese. Basta rinnovare i contratti in essere e trasformarli a tempo indeterminato e per i restanti posti che si liberanno per i pensionamenti (e i decessi) attingere dalle stesse pubbliche graduatorie.

WhatsApp
Telegram

ASUNIVER e MNEMOSINE, dottorato di ricerca in Spagna: cresci professionalmente e accedi alla carriera universitaria con tre anni di congedo retribuito