Coronavirus: 93% studenti raggiunto da didattica a distanza. Adesso fondi alle scuole, si parte con mille euro per animatori digitali

WhatsApp
Telegram

Secondo i dati non ancora completi sul monitoraggio della didattica a distanza avviata dal Ministero a seguito della chiusura causa emergenza Coronavirus, sarebbe una percentuale decisamente confortante degli studenti che in un modo o in un altro ha mantenuto contatto con la scuola

I dati saranno presto diffusi a breve dal Ministero, ma già dalle prime indiscrezioni sembrerebbero confortanti. Anche se ci sarà da distinguere tra gli interventi strutturati delle scuole con piattaforme e metodologie adatte alla didattica a distanza e quanti nell’emergenza si sono dovuti dar da fare e avviare una didattica a distanza di “emergenza”

Mille euro agli animatori digitali

Ieri, il ministero ha emanato la nota n. 4203 del Ministero dell’istruzione del 20 marzo 2020, con la quale si assegnato mille euro ad ogni scuola che potranno essere spesi per la formazione dei docenti, creazione di metodologie innovative e coinvolgimento della comunità scolastica.

Una occasione per le scuole che potranno formare il proprio personale e avviare una didattica a distanza più strutturata venendo incontro alle esigenze di docenti e studenti. I dettagli della nota

In arrivo altri fondi

Ricordiamo che il Governo, con decreto, ha stanziato fondi per potenziare la didattica a distanza, per un totale di 85 milioni.

Le risorse stanziate, complessivamente 85 milioni di euro, sono destinate a:

  1. acquisto di piattaforme e di strumenti digitali utili per l’apprendimento a distanza, o  potenziamento di quelli già in dotazione, nel rispetto dei criteri di accessibilità per le persone con disabilità;
  2. messa a disposizione degli studenti meno abbienti, in comodato
    d’uso, di dispositivi digitali individuali e connessione internet;
  3. formazione del personale.

Gli 85 milioni sono così ripartiti:

  • 10 milioni di euro nel 2020 per le spese di cui al punto 1 sopra riportato;
  • 70 milioni di euro nel 2020 per le spese di cui al punto 2 sopra riportato;
  • 5 milioni di euro nel 2020 per le spese di cui al punto 3 sopra riportato.

Come procedere agli acquisti

Le scuole acquistano le piattaforme e i dispositivi sopra riportati (ai punti 1 e 2), mediante ricorso agli strumenti di cui all’articolo 1, commi 449 e 450, della legge 27 dicembre 2006, n. 296.

Qualora non sia possibile ricorrere ai predetti strumenti, le scuole provvedono succitati acquisiti anche in deroga alle disposizioni del decreto legislativo 18 aprile 2016, n. 50.

Corsi di formazione gratuiti

Didattica a distanza con Google Classroom
Corso organizzato e certificato da SO.GE.S, ente accreditato al Miur (Società del gruppo Orizzonte Scuola). Vai alla descrizione del corso

Classi virtuali ai tempi del Coronavirus, farlo con Edmodo. Video lezioni gratuite

Edmodo si presenta come un qualsiasi social network, può essere utilizzato come luogo per gestire l’apprendimento della propria classe, ma anche per facilitare la collaborazione e la pubblicazione di materiale creativo con altri insegnanti in tutto il mondo. Vai alla descrizione del corso

WhatsApp
Telegram

ASUNIVER e MNEMOSINE, dottorato di ricerca in Spagna: cresci professionalmente e accedi alla carriera universitaria con tre anni di congedo retribuito