Coronavirus, 15 giorni congedo straordinario docenti e ATA: si attendono ancora indicazioni Ministero per domanda

di redazione

item-thumbnail

Decreto cura Italia, 15 giorni congedo specifico aggiuntivo al congedo parentale: si attendono indicazioni dal Ministero.

Congedo specifico: giorni, validità della misura, congedo parentale già fruito

Il decreto cura Italia, decreto legge n. 18 del 17 marzo 2020, ha previsto per i lavoratori privati e pubblici un congedo specifico non superiore a 15 giorni, durante la sospensione dei servizi educativi per l’infanzia e delle attività didattiche (al momento fino al 3 aprile).

  • Giorni di congedo e retribuzione 

Il decreto prevede un congedo non superiore a 15 giorni per i figli di età non superiore a 12 anni, con retribuzione al 50%.

Gli stessi giorni di congedo sono previsti per coloro i quali hanno figli minori di età compresa tra 12 e 16 anni. In tal caso, però, non è prevista nessuna retribuzione.

  • Validità della misura

La misura è valida a decorrere dal 5 marzo, come scritto nel decreto, e e sino al termine della sospensione delle attività didattiche, al momento sino al prossimo 3 aprile.

  • Congedo parentale già fruito

Nel caso in cui, a decorrere al 5 marzo, quindi a partire dal periodo di sospensione dei servizi educativi per l’infanzia e delle attività didattiche,  siano stati fruiti periodi di congedo parentale (ai sensi degli articoli 32 e 33 del decreto legislativo 151/01), gli stessi periodi:

  • vengono convertiti nel congedo specifico previsto dal decreto con diritto all’indennità  suddetta (50% della retribuzione);
  • non sono computati né indennizzati a titolo di congedo parentale.

Per approfondire tutti gli aspetti relativi alla disposizione legge: Coronavirus, congedo 15 giorni per figli sino a 16 anni: condizioni, fruizione e retribuzione

Indicazioni del Ministero

Il Ministero non ha ancora fornito indicazioni per usufruire della misura, come previsto dal decreto, in cui leggiamo:

L’erogazione dell’indennità, nonché l’indicazione delle modalità di fruizione del congedo sono a cura dell’amministrazione pubblica con la quale intercorre il rapporto di lavoro.

La disposizione del decreto è stata poi ripresa dall’Inps  nel fornire indicazioni sulla presentazione delle domande (messaggio n. 1281 del 20 marzo 2020):

Le modalità di fruizione del presente congedo per i lavoratori dipendenti del settore pubblico e le relative indennità sono a cura dell’Amministrazione pubblica con la quale intercorre il rapporto di lavoro.

Attendiamo, quindi, disposizioni ministeriali al più presto, considerate le numerose esigenze dei lavoratori della scuola in questo periodo emergenziale.

Avevamo già parlato delle necessarie indicazioni del Ministero in Coronavirus, 15 giorni congedo docenti e ATA al 50%. Si attendono indicazioni per presentazione domande

Versione stampabile
Argomenti:

soloformazione