Corlazzoli: “Valditara ministro? Dalla padella alla brace, mai che si scelga un maestro”

WhatsApp
Telegram

Il maestro e giornalista de Il Fatto Quotidiano, Alex Corlazzoli, commenta la nomina di Giuseppe Valditara come ministro dell’Istruzione.

“Dalla padella alla brace. Dopo l’accademico Patrizio Bianchi che ricorderemo poco più che per il suo mantra della “scuola affettuosa” (dove l’ha vista ma?), ad occuparsi di bambini e ragazzi, la neo presidente del Consiglio, Giorgia Meloni, ha pensato di nominare un altro accademico. Sembra essere il destino del ministero dell’Istruzione: mai un maestro, un professore di scuola “media”, un preside di un istituto comprensivo o di un liceo. Sia mai che ad occuparsi di nidi, scuole dell’infanzia, secondarie di primo grado, bullismo, intercultura, disabilità, sviluppo del bambino, ci sia un pedagogista”, scrive Corlazzoli.

E ancora: “Mi piacerebbe vedere se nella libreria di Valditara ci sono La pedagogia della lumaca, Il paese sbagliato, Mongolfiera, Cominciare dal bambino di Mario Lodi; Lettera a una professoressa di don Lorenzo Milani; Favole al telefono di Gianni Rodari; qualche testo di Roberto Farnè su Alberto Manzi o per non pescare nel passato qualche libro dei pedagogisti Daniele Novara, Silvia Vegetti Finzi o Raffaele Mantegazza”.

Alex Corlazzoli sarà in diretta domani, lunedì 24 ottobre, alle 14:30 su Orizzonte Scuola TV, in onda sulla nostra pagina Facebook e sul nostro canale YouTube.

WhatsApp
Telegram

Corso di perfezionamento in Metodologia CLIL: acquisisci i 60 CFU con Mnemosine, Ente accreditato Miur