Copiare in Italia è troppo tollerato: lo fa il 34% già alle elementari

di Giulia Boffa
ipsef

Red – La giornalista del Wall Street Journal Sue Shellenbarger ha lanciato l’allarme sui bambini che copiano ed ha preparato una sorta di vademecum che spiega agli alunni di ogni età che imbrogliare è sbagliato.

Red – La giornalista del Wall Street Journal Sue Shellenbarger ha lanciato l’allarme sui bambini che copiano ed ha preparato una sorta di vademecum che spiega agli alunni di ogni età che imbrogliare è sbagliato.

In Italia i bambini che copiano alle elementari sono il 34%; su questa brutta abitudine ha commentato il sociologo dell’Università di Urbino Marcello Dei, che pubblicherà sull’argomento uno studio sulla rivista Minori Giustizia: "I raggiri scolastici sono delle vere e proprie prove generali d’illegalità, ma vengono rappresentati come gesti sporadici insignificanti o episodi di costume e di folklore —  che pubblicherà sull’argomento uno studio sulla rivista Minori Giustizia —. Per dirla con una metafora teatrale, in Italia la rappresentazione degli imbrogli tra i banchi di scuola non ha il tono serio e doloroso del dramma, appartiene al genere della commedia leggera, all’italiana, per l’appunto".

Versione stampabile
anief anief
soloformazione