Copertura posti vacanti Dsga, Uil: in Toscana 56 sedi senza direttore. Riconoscere lavoro dei facenti funzione

Stampa

Uil scuola Massa Carrara – La UIL scuola continuerà a rivendicare in ogni sede, un provvedimento legislativo urgente che dia risposte coerenti ed immediate alle diverse istanze dei DSGA/FF e degli altri precari, che in questi giorni sono chiamati a far funzionare le scuole.

In Toscana ancora oggi 56 sedi senza DSGA – denuncia la Uil -. La situazione è particolarmente grave mancando nelle scuole figure essenziali”:

UIL scuola chiede che “il problema venga risolto con il riconoscimento del lavoro fatto dai DSGA facenti funzione in questi anni che hanno consentito il funzionamento delle istituzioni scolastiche. Per questo personale doveva essere previsto un canale di reclutamento specifico che in questa situazione particolarmente emergenziale sarebbe stato particolarmente utile“.

In linea con quanto fatto a livello nazionale – aggiunge – non vedendo risolti queste criticità non firma questa intesa. Nell’accordo nazionale inoltre si fa riferimento a graduatorie inesistenti rendendo ancora più caotica la situazione. Resta fermo che le seconde posizioni economiche – pur avendo la priorità di scelta in caso di proposta – non hanno l’obbligo di accettare l’incarico in quanto loro obbligo è limitato a sostituire il DSGA temporaneamente assente e non per l’intero anno per coprire un vuoto di organico“.

Dsga, 2.300 posti vacanti da coprire: rinnovata l’intesa MI-sindacati. Uil non firma “Responsabilità per i facenti funzione”. Verbale PDF

Stampa

Con i 24 CFU proposti da Mnemosine puoi partecipare al Concorso. Esami in un solo giorno in tutta Italia