Coordinamento Diplomati Magistrali Bologna: “Chiediamo il decreto al più presto, non possiamo più attendere”

di redazione
ipsef

item-thumbnail

Comunicato Coordinamento Diplomati Magistrali Bologna – Il nostro appello civile lo indirizziamo a tutti politici che stanno giocando con il futuro di oltre 55000 diplomati magistrali.

Le aspettative prima della sentenza del Consiglio di Stato erano alte, non pensavamo possibile che una sentenza potesse annullare anni di lavoro.
Abbiamo combattuto come potevamo, ma sempre tenendo presente il bene dei nostri bambini e sempre con il sorriso .

Per anni abbiamo formato i giovani del domani e vorremmo continuarlo a fare.

Il nostro lavoro non è una semplice missione come definito da tanti, ma frutto di una preparazione e formazione costante e di anni di esperienza sul campo.

Noi non consideriamo la scuola un ammortizzatore sociale ma la nostra vita, un nostro diritto!

Una sentenza dello Stato Italiano ha sancito che il nostro diploma è abilitante e come tale ogni Diplomato Magistrale ha il diritto ad entrare nelle graduatorie ad esaurimento!

Chiediamo il decreto al più presto, non possiamo più attendere, l’anno scolastico ormai è finito.
Lo chiediamo per NOI e per i nostri Bambini.
Dopo le promesse elettorali chiediamo concretezza.
Chiediamo la stabilizzazione di tutti gli insegnanti che da anni sono il pilastro della scuola italiana.
Se questo decreto tanto atteso non tutelera’ ogni singola diplomato magistrale, la lotta non cesserà.

Lotteremo per rivendicare un diritto usurpato da anni
Lotteremo perché una sentenza del 20/12/2017 ha calpestato la nostra dignità.
Lotteremo perché ogni giorno abbiamo fatto sacrifici lasciando il cuore in tutte le scuole dove abbiamo fatto i “tappabuchi”.
Lotteremo sia come maestri che come genitori per avere la continuità didattica.
Lottiamo e lotteremo per dire BASTA al precariato.

#nonunamaestradi meno
#lamaestranonsitocca

Versione stampabile
Argomenti:
anief
soloformazione