Argomenti Didattica

Tutti gli argomenti

Cooperative learning in classi inclusive: cos’è, strategie e suggerimenti utili

Stampa

Ci sono diversi vantaggi delle strutture di apprendimento cooperativo per gli studenti con disabilità. Gli studenti con disabilità sono più coinvolti nelle attività in classe in cui sono presenti strutture di apprendimento cooperativo rispetto agli interventi in classe più tradizionali. In particolare, nelle classi inclusive che utilizzano l’apprendimento cooperativo, gli studenti articolano i loro pensieri più liberamente, ricevono feedback di conferma e costruttivi, si impegnano in tecniche di domande, ricevono ulteriore pratica sulle abilità e hanno maggiori opportunità di rispondere.

Inoltre, quando gli studenti pensano ad alta voce mentre discutono, gli insegnanti sono in grado di valutare meglio le esigenze degli studenti e del gruppo e di intervenire se necessario. Cioè, monitorando attivamente l’apprendimento degli studenti, gli insegnanti sono in grado di reindirizzare i gruppi verso i compiti di apprendimento e fornire insegnamenti durante le mini-conferenze, a seconda dei casi. Quando le strutture sono in atto per questo livello di dialogo, si accelera il processo di comprensione.

Gli studenti con disabilità hanno maggiori probabilità di avere risultati di apprendimento positivi

Secondo Stevens e Slavin, gli studenti con disabilità hanno maggiori probabilità avere risultati di apprendimento positivi quando spiegazioni e modelli sono forniti dai loro pari. Questi benefici e un apprendimento di qualità si realizzano solo quando gli insegnanti di educazione generale e speciale si impegnano nelle strutture di apprendimento a beneficio di tutti gli studenti.

L’apprendimento cooperativo sfida le convinzioni di alcune persone sull’istruzione. Le aule cooperative rappresentano un passaggio dalle aule tradizionali in stile lezione ad ambienti più a misura di cervello che avvantaggiano tutti gli studenti.

Aspetti critici di un apprendimento cooperativo efficace

Le considerazioni di base per la strutturazione dei gruppi cooperativi includono:

dimensione del gruppo

obiettivi di apprendimento chiari

istruzione diretta delle procedure di gruppo

raggruppamenti con abilità miste

responsabilità individuale e di gruppo.

Dimensione

La dimensione del gruppo consigliata varia da due a quattro studenti. Più piccolo è il gruppo, più alti sono i livelli di coinvolgimento. I gruppi composti da tre studenti sono spesso difficili da gestire perché lasciano uno studente fuori dal dialogo in un dato momento.

Obiettivi di apprendimento chiari e istruzioni dirette delle procedure di gruppo

Gli insegnanti che ottengono i migliori risultati dai gruppi di apprendimento cooperativo insegnano direttamente agli studenti come interagire prima che il gruppo guidi il proprio apprendimento.

L’assegnazione dei ruoli all’interno dei gruppi focalizza anche gli studenti sugli obiettivi di apprendimento specificati.

Raggruppamenti con abilità miste

La ricerca di Ncube ha mostrato che i gruppi flessibili con abilità miste presentano vantaggi rispetto agli studenti raggruppati in modo omogeneo perché gli studenti con risultati migliori possono guidare gli studenti che stanno lottando con una particolare abilità o concetto. Allo stesso tempo, gli studenti che sono più competenti con una particolare abilità approfondiscono il proprio apprendimento applicando abilità di pensiero di livello superiore mentre aiutano gli altri a raggiungere.

Responsabilità

Gli studenti hanno bisogno di obiettivi individuali e di gruppo per promuovere la cooperazione. Il bisogno di sentire “Siamo in questo insieme!” e la capacità di fare affidamento sui propri compagni di squadra sono essenziali per l’apprendimento degli studenti. Gli insegnanti, ed eventualmente i coetanei, devono fornire un feedback sui progressi verso gli obiettivi di gruppo e individuali. Questo graduale rilascio di responsabilità porta a studenti più coinvolti e indipendenti.

L’apprendimento cooperativo all’interno di classi inclusive richiede una pianificazione e un’implementazione ponderate per ottenere il massimo impatto per tutti gli studenti.

Tipi di squadre cooperative

Esistono quattro tipi principali di team cooperativi: eterogenei, casuali, omogenei e selezionati dagli studenti. Tutti e quattro hanno scopi didattici. Pertanto, il tipo di team utilizzato dovrebbe corrispondere agli obiettivi di apprendimento e alle esigenze degli studenti. I gruppi eterogenei sono più ampiamente utilizzati per l’apprendimento cooperativo perché supportano naturalmente i coetanei che assistono i coetanei, migliorano l’accettazione sociale di tutti i tipi di studenti e possono aiutare nella gestione della classe. Tuttavia, tutti e quattro possono essere implementati durante l’anno scolastico per supportare l’istruzione.

I vantaggi e le precauzioni contro i diversi tipi di gruppi cooperativi

Eterogeneo

Squadre di abilità miste, sesso, corsa

• Equilibrato

• Massimizza il tutoraggio

• Gestione più semplice

• Richiede più tempo di preparazione dell’insegnante

• Classifica studenti

• Opportunità di leadership limitate

Squadre casuali

Squadre formate casualmente

• Equità

• Novità, varietà, divertimento

• Facile e veloce

• Diversità non garantita

• Potenziale per comportamenti fuori dal compito

• Possono svilupparsi squadre tutte “basse” o tutte “alte”

Team selezionati dagli studenti

Gli studenti selezionano i propri team

• Novità, varietà e divertimento

• Familiarità

• Facile processo decisionale

• Non equilibrato

• Potenziale di comportamento fuori dal compito alto

Squadre omogenee

Team con un tratto condiviso (abilità, interesse, lingua)

• Opportunità di leadership

• Grande stima per i gruppi migliori

• Istruzione differenziata

• Mancanza di equità

• Scarsa stima per i gruppi bassi

• Stereotipi negativi

Potenziale per un significativo sviluppo delle abilità sociali

Un altro argomento potente per l’utilizzo di gruppi di apprendimento cooperativo è il potenziale per un significativo sviluppo delle abilità sociali. È stato scoperto che l’isolamento sociale è un fattore di rischio per la salute altrettanto devastante del fumo o dell’ipertensione. L’apprendimento cooperativo fornisce agli studenti strutture per interagire in modo appropriato con i loro coetanei e opportunità per praticare abilità sociali. Le abilità sociali che si verificano naturalmente nei gruppi cooperativi includono chiedere aiuto, alternarsi e non essere d’accordo educatamente. Quando vengono integrate nelle pratiche accademiche, l’istruzione e la pratica delle abilità sociali richiedono meno tempo per essere implementate. Infine, l’integrazione delle abilità sociali aiuta anche nella gestione della classe perché ci sono meno interruzioni e migliori impressioni positive della scuola e dell’apprendimento.

Suggerimenti per cambiare

L’Istituto Comprensivo Statale di Germignaga, formato da brillanti scuole dell’Infanzia, Primaria e Secondaria di 1° grado – ha stilato, qualche anno fa, grazie ad uno strepitoso GLH di Istituto un vademecum denominato “Alcuni suggerimenti per l’intervento in classe in presenza di alunni disabili”. La scuola anche quest’anno brilla nel firmamento delle novità e dell’organizzazione sotto la guida autorevole ed esemplare del dirigente scolastico prof. dott. David Arioli.

Il documento contiene, scrivono i componenti del GLH, “Il documento proposto contiene un adattamento dell’articolo di Margherita MIELE, Didattica integrata e strategie di intervento in classe, “Quaderni del Dipartimento di Scienze pedagogiche e didattiche”, n. 6, 2007, pp. 143-168 … e numerosi altri spunti: rielaborazione di appunti di corsi/giornate aggiornamento/ formazione, stralci di documenti trovati su internet, su riviste o testi specifici oltre ad alcune riflessioni personali individuali”.

ALCUNI SUGGERIMENTI PER L’INTERVENTO IN CLASSE

Stampa

Corso di perfezionamento in Metodologia CLIL: acquisisci i 60 CFU con Mnemosine, Ente accreditato Miur