Convocazioni supplenze ATA, quali documenti portare con sé. Possibile delegare un’altra persona

WhatsApp
Telegram

Sono iniziate le convocazioni per le supplenze del personale ATA nell’anno scolastico 2023-24. Per ora le convocazioni riguardano gli aspiranti di prima e seconda fascia; si passerà alla terza una volta che risulteranno esaurite le graduatorie di prima e seconda fascia. Cosa devono portare con sé i candidati il girono della convocazione?

Il personale convocato deve presentarsi munito di documento di identità valido e del codice fiscale.

Coloro che non possono presentarsi alla convocazione possono delegare una persona di fiducia. In questo caso il delegato deve recarsi alla convocazione con la delega, il documento di riconoscimento proprio e del delegante. Le fotocopie devono essere ben leggibili. Può essere possibile delegare anche il direttore dell’Ufficio scolastico. In caso di delega gli aspiranti seguono le indicazioni dell’Ufficio scolastico di proprio interesse e il modello di delega proposto. Qui una raccolta degli avvisi.

Si ricorda che la convocazione non è sinonimo di assunzione. Gli aspiranti vengono convocati in numero maggiore per sopperire a eventuali rinunce o assenze.

L’assenza senza giustificato motivo è intesa quale rinuncia.

Le sanzioni per rinuncia o mancata presa di servizio, di cui all’articolo 7 del Regolamento delle supplenze (D.M. 13 dicembre 2000, n. 430), ovvero la perdita della possibilità di conseguire analoghi rapporti di lavoro sulla base delle graduatorie di prima e seconda fascia per l’anno scolastico successivo, non sono applicabili.

Supplenze ATA 2023-24: ordine, divieti, spezzoni, docenti, posti DSGA ed ex LSU. Le indicazioni nella CIRCOLARE

WhatsApp
Telegram

La Dirigenza scolastica, inizio anno scolastico: la guida operativa con tutte le novità 2024/25 con circolari e documenti pronti all’uso