Convitti nazionali: i bandi Inps. Domande entro il 31 luglio

WhatsApp
Telegram

Il bando di concorso è finalizzato ad offrire a studenti iscritti alla scuola primaria, secondaria di primo grado e secondaria di secondo grado nell’anno scolastico 2022/2023, i posti presso le proprie strutture a gestione diretta.

I posti sono:

a) n. 250 posti residenziali in “convitto”;
b) n. 300 posti di “dopo scuola” in “semiconvitto”.

Bando

Requisiti

Possono partecipare al concorso i beneficiari di cui all’art.1, comma 3, che nell’anno scolastico 2022/2023 frequenteranno la scuola primaria, la scuola secondaria di primo grado o la scuola secondaria di secondo grado, in possesso dei seguenti requisiti:

a) non essere in ritardo di oltre due anni nella carriera scolastica; l’eventuale ritardo nella carriera scolastica è valutato, a prescindere dall’età, a decorrere dal primo anno della scuola primaria e sino all’anno scolastico oggetto del bando, senza soluzione di continuità e indipendentemente dalle motivazioni che hanno generato il ritardo (ripetizione anni scolastici, sospensione frequenza scolastica, etc.). La durata dei cicli di studio è definita in 5 anni per la scuola primaria, in 3
anni per la scuola secondaria di primo grado e negli anni ordinari del ciclo di studi, con riferimento a ciascuna tipologia di scuola secondaria di secondo grado;

b) essere già iscritti presso una scuola del luogo di residenza. Tale circostanza consentirà, in caso di accoglimento della domanda, il trasferimento dell’iscrizione stessa presso una scuola del territorio del Convitto prescelto, anche in caso di cambiamento del corso di studi;

c) non essere stati allontanati da una struttura convittuale, a gestione diretta o convenzionata, per motivi disciplinari o per altri casi che abbiano determinato la revoca del beneficio per comportamenti incompatibili con la vita comunitaria;

d) non aver riportato condanne penali e/o non aver procedimenti penali in corso;

e) non fruire di alcuna provvidenza scolastica, in denaro o in servizi, di valore superiore ad € 6.000,00 complessivi, erogata dallo Stato o da altri Enti ed Istituzioni pubbliche o private per l’anno scolastico 2022/2023.

Il bando convitti nazionali è finalizzato a offrire a studenti iscritti alla scuola primaria, secondaria di primo grado e secondaria di secondo grado nell’anno scolastico 2022/2023, i seguenti contributi:
– Convitto
– Semiconvitto
– Convitti ad elevata specializzazione (per un solo anno scolastico) per il pagamento delle rette di iscrizione in Convitti Pubblici o accreditati presso il Miur.

Possono partecipare al concorso i beneficiari che nell’anno scolastico 2022/2023 frequenteranno la scuola primaria, la scuola secondaria di primo grado o la scuola secondaria di secondo grado, che non fruiscono di alcuna provvidenza scolastica, in denaro o in servizi, di valore superiore a € 6.000,00 complessivi, erogata dallo Stato o da altri Enti ed Istituzioni pubbliche o private per l’anno scolastico 2022/2023 e che non siano assegnatari di posti in convitti di proprietà dell’Istituto.

Bando

Entrambi i bandi scadono il 31 luglio.

WhatsApp
Telegram

Corso di perfezionamento in Metodologia CLIL: acquisisci i 60 CFU con Mnemosine, Ente accreditato Miur