Controversie attribuzione ore sostegno alunni disabili, Consiglio di Stato: la competenza è del giudice amministrativo

Stampa

Il Consiglio di Stato in Adunanza Plenaria, con la sentenza n. 00015/2015,  ha stabilito che il giudice competente, per l'attribuzione delle ore di sostegno agli allievi disabili, è quello amministrativo, in quanto si tratta di controversie che hanno per oggetto l'esercizio del potere organizzatore. 

Il Consiglio di Stato in Adunanza Plenaria, con la sentenza n. 00015/2015,  ha stabilito che il giudice competente, per l'attribuzione delle ore di sostegno agli allievi disabili, è quello amministrativo, in quanto si tratta di controversie che hanno per oggetto l'esercizio del potere organizzatore. 

Le controversie, invece, aventi per oggetto l'attuazione del PEI, quindi dopo aver attribuito le ore di sostegno all'alunno, sono di competenza del giudice ordinario.

I fatti

La mamma di un alunno disabile aveva fatto ricorso al TAR Campania ritenendo insufficienti le ore di sostegno attribuite al figlio dal dirigente scolastico.

Il Tar, preso atto che l'Amministrazione aveva depositato il PEI in esecuzione dell'ordinanza istruttoria, aveva dichiarato il difetto di giurisdizione del giudice amministrativo, in favore di quello ordinario, in ossequio alla sentenza delle Sezioni Unite della Cassazione n.25011 del 25 novembre 2014, con la quale era stato chiarito che la cognizione delle controversie afferenti alla fase successiva all’adozione del PEI  spetta alla giurisdizione ordinaria.

Contro tale sentenza la mamma dell'alunno disabile ricorreva in appello.

Con ordinanza n. 4374/2015, in data 21 settembre 2015, la Sesta Sezione ha rimesso la questione della competenza di giurisdizione all’Adunanza Plenaria, nello specifico la questione relativa all’estensione o meno della giurisdizione amministrativa anche alla fase di esecuzione del PEI.

La sentenza

Il CdS,  nella sentenza, precisa che sia la richiesta di annullamento del provvedimento di assegnazione delle ore di sostegno (ritenute insufficienti) sia la richiesta di attribuzione di un numero di ore adeguate alla disabilità del bambino risultano volte ad ottenere l’accertamento della spettanza di un numero di ore di sostegno adeguato alle esigenze dell’alunno, pertanto si tratta di domande lontane dalla fase di esecuzione del PEI.

Proprio per tale motivo, la competenza è del giudice amministrativo e non di quello ordinario, la cui competenza, come stabilito dalla Cassazione, riguarda le controversie relative all'attuazione del PEI.

In conclusione, sulla base della sentenza del CdS,  le controversie relative all'attribuzione delle ore di sostegno, fase che precede l'attuazione del PEI, sono di competenza del giudice amministrativo, mentre il giudice ordinario interviene nelle controversie aventi per oggetto l'esecuzione del PEI.

La sentenza
 

Stampa

Il nuovo programma di supporto gratuito Trinity per docenti di lingua inglese