Controllo della qualità dell’aria a scuola, le Regioni bocciano le linee guida: “Provvedimento illegittimo e impraticabile”. Nota DG Welfare Lombardia

WhatsApp
Telegram

La qualità dell’aria nelle scuole non è controllabile. A nulla sono valse le linee guida pubblicate ai primi di agosto da parte del Ministero dell’Istruzione. E’ quanto sottolineato nella nota della DG Welfare di Regione Lombardia in merito all’applicazione delle Linee guida approvate con D.P.C.M del 26 luglio. La comunicazione arriva per consentire una chiara informazione ai dirigenti scolastici.

Nessun controllo sarà previsto nelle prossime settimane, nessun dirigente scolastico potrà controllare o avanzare ai sindaci la richiesta di realizzare gli interventi necessari per migliorare la qualità dell’aria.

Nel provvedimento pubblicato in Gazzetta Ufficiale, si affidava ai presidi la possibilità di effettuare le attività preliminari di monitoraggio della qualità dell’aria e di individuazione delle soluzioni più efficaci da adottare in conformità con le presenti linee guida. Situazione che poi è stata confermata dal Ministero dell’Istruzione con il vademecum di fine agosto.

Le Regioni: “Illegittimità giuridica”

Ecco la nota di criticità:

In considerazione della complessa ed impegnativa attuazione delle misure raccomandate dal Governo con il suddetto provvedimento le Regioni nell’ambito del coordinamento interregionale hanno valutato impraticabile l’effettiva applicazione concreta delle Linee guida, con riguardo agli aspetti organizzativi che a quelli economici, oltre che ad una ravvisata illegittimità giuridica del provvedimento. Le Regioni e le Province Autonome di Trento e Bolzano, ritengono che allo stato attuale non vi siano le condizioni per assicurare il rispetto di quanto previsto dal DPCM che, in assenza di specifiche risorse e di una apposita programmazione congiunta tra livello centrale ed interregionale, sia di fatto inapplicabile ed insostenibile da parte dei Dipartimenti di Prevenzione delle ATS e dall’ARPA.

Sarà cura dei sottoscritti fornire aggiornamenti, anche in esito alla seduta della Commissione Salute che ha posto il tema all’ODG del prossimo incontro, non appena acquisite le ulteriori necessarie valutazioni in merito“.

Le Regioni bocciano il provvedimento parlando addirittura di illegittimità giuridica.

Le linee guida

Le linee guida, pubblicate il 3 agosto in Gazzetta Ufficiale, sono state varata a seguito delle indicazioni tecniche redatte da un’equipe composta dal Centro Nazionale Sostanze Chimiche e protezione del Consumatore e dall’Istituto Superiore di Sanità.

LINEE GUIDA

ALLEGATO A

ALLEGATO B (SCHEDA TECNICA)

DPCM 

I tecnici hanno dato indicazioni alle scuole in merito ai dispositivi di sanificazione, igienizzazione e purificazione dell’aria.

Gli esperti scrivono nella relazione tecnica, pubblicata da Orizzonte Scuola, che la scelta “sull’opportunità di utilizzo” della soluzione tecnica, deve effettuata da personale qualificato in considerazione della valutazione dei rischi e deve tenere anche presenti gli obiettivi che si intendono raggiungere (es. ricambio d’aria, abbattimento carica patogeni nell’aria e/o del materiale particellare), nel caso di utilizzo di apparecchi mobili, se l’uso è continuo o al bisogno.

I requisiti e le informazioni rappresentano un riferimento per la selezione dei sistemi e per le procedure da adottare all’interno delle strutture scolastiche. Alcuni Stati membri (es. Belgio e Germania) di recente hanno promosso iniziative ed emanato norme nazionali destinate a regolamentare gli aspetti tecnici legati al funzionamento delle tecnologie di purificazione/depurazione procedendo alla loro registrazione obbligatoria.

Come raccomandazioni generali, i dispositivi/apparecchi qualora destinati agli ambienti scolastici, devono essere chiaramente identificabili, sicuri, efficaci, utilizzabili in presenza di astanti se previsto dal costruttore e solo in condizioni di sicurezza, muniti, ove necessario, di dispositivi/sensori in (sottoprodotti) e, nonché di principali parametri microclimatici.

Possono essere utilizzati anche gli apparecchi polivalenti (es. strumenti che garantiscano sia il ricambio d’aria e/o filtrazione di particolato e/o abbattimento della carica dei patogeni e/o abbattimento di sostanze organiche o altri inquinanti chimici) anche combinati con prodotti/sistemi per la sanificazione delle superfici.

Ulteriori requisisti da prendere in considerazione sono: facile utilizzo e installazione; bassi costi di attivazione, operatività manutenzione per garantire le prestazioni iniziali e continue dei dispositivi (es. ridotti consumi elettrici e/o ridotti costi di componenti, di smaltimento dei filtri, lampade, ecc.); bassi livelli/classi emissive di rumorosità; impatto ambientale minimo (es. sostituzione dei filtri, lampade e sensori).

Gli apparecchi scelti dovrebbero essere sempre accompagnati da documentazione attestante test specifici che dimostrino: efficacia e sicurezza nelle condizioni di utilizzo, in ambienti simili agli ambienti scolastici in cui si intendono installare (es. volume degli ambienti testati, tassi di ricambio dell’aria, modello di occupazione); durata di funzionamento che influenza la capacità di abbassare la concentrazione degli inquinanti; frequenza della manutenzione per un corretto funzionamento; livello/classe rumore dB, durante il funzionamento alla massima portata d’aria.

WhatsApp
Telegram

TFA sostegno VIII ciclo 2023: requisiti di accesso e corso di preparazione, con simulatore per la preselettiva. 100 euro, offerta in scadenza