Contro sciopero COBAS, Invalsi scrive una lettera ai prof

WhatsApp
Telegram

Giorno 6, 7 e 13 maggio 2014, in occasione delle prove Invalsi, i COBAS hanno indetto l’annuale sciopero contro la loro somministrazione.

Giorno 6, 7 e 13 maggio 2014, in occasione delle prove Invalsi, i COBAS hanno indetto l’annuale sciopero contro la loro somministrazione.

Il sindacato ritiene, innanzitutto, che la "valutazione dell’efficacia della scuola, influenza in modo cruciale l’impostazione quotidiana della didattica, spingendo i docenti ad abdicare alla loro primaria funzione intellettuale e a piegarsi all’addestramento ai quiz, provocando la marginalizzazione delle materie non coinvolte nella valutazione".

Non solo. I COBAS ritengono che le prove obbediscato ad una idea di scuola-azienda che a loro non piace e che così la scuola non "miri più alla formazione complessiva dei futuri cittadini, ma che addestri una forza lavoro in possesso di competenze generiche e flessibili, capaci di adattarsi alla condizione di precarietà endemica che li aspetta nel mondo del lavoro."

Di tutt’altro avviso la Presidente dell’Invalsi, Ajello, che ha anticipato al Corriere di stare elaborando una lettera rivolta ai docenti, con la quale si spiegherà  il ruolo delle prove.

"Stiamo preparando una lettera aperta, – ha affermato l’Ajello – rivolta ai docenti, che pubblicheremo la prossima settimana sul sito Invalsi per chiarire che la valutazione non è “della” scuola, ma per la scuola e che non facciamo che garantire un servizio. Quando sono informati sul livello di preparazione dei propri allievi e i punti di criticità, gli operatori della singola scuola potranno progettare interventi didattici mirati

WhatsApp
Telegram

Corso di perfezionamento in Metodologia CLIL: acquisisci i 60 CFU con Mnemosine, Ente accreditato Miur