Argomenti Consulenza fiscale

Tutti gli argomenti

Contributo volontario iscrizione scuola: è obbligatorio pagarlo?

Stampa

E’ obbligatorio versare il contributo volontario che la scuola richiede all’atto di iscrizione?

Buongiorno, Devo iscrivere mia figlia alla 5 superiore: è obbligatorio il pagamento della cifra di € 180 richiesta dalla scuola, come da allegato? 
Il nostro ISEE è comunque superiore ai € 20.000.
Grazie della risposta

Lo scorso anno in occasione della campagna di iscrizioni per l’AS 2019/2020 emanò una circolare con la quale dedicava al contributi volontario richiesto dalle scuole un intero paragrafo.

Nella circolare in questione si specifica che “Si rammenta, infine, che i contributi scolastici delle famiglie sono assolutamente volontari e distinti dalle tasse scolastiche che, al contrario, sono obbligatorie, con l’eccezione dei casi di esonero. Le famiglie dovranno essere preventivamente informate sulla destinazione dei contributi in modo da poter conoscere le attività che saranno finanziate con gli stessi, in coerenza con il Piano triennale dell’ offerta formativa”.

Il contributo volontario è una somma aggiuntiva che si somma, solitamente, alle tasse scolastiche dovute dalla famiglia in sede di iscrizione che va a coprire tutta una serie di costi aggiuntivi che la scuola sostiene (come ad esempio i laboratori).

Le famiglie, inoltre, devono essere informate preventivamente sulla destinazione del contributo volontario che sono chiamate a pagare per sapere quali sono le attività che andranno a finanziare.

Si tratta, quindi, e lo dice il nome stesso, di una somma che si versa volontariamente e non obbligatoria. Mentre le tasse scolastiche devono essere pagate (ma solo dal quarto anno in poi, visto che fino a 16 anni la scuola è obbligatoria e gratuita).

Da sottolineare, inoltre, che il MIUR specifica anche che l’iscrizione dell’alunno, sia alla prima classe che alle classi successive, non può essere in alcun modo subordinata al pagamento del contributo volontario.

Per rispondere alla sua domanda, quindi, la cifra di 180 euro che la scuola richiede a titolo di contributo volontario non è da versare obbligatoriamente ma solo se lo si desidera per ampliare l’offerta formativa dell’istituto. La stessa, tra l’altro, non è vincolata all’Isee maggiore o minore di 20mila euro. Nell’allegato che mi ha inviato vedo, in ogni caso, che ha barrato la casella relativa alle tasse di iscrizione, che devono essere pagate obbligatoriamente frequentando sua figlia il prossimo anno la quinta classe.

Stampa
Consulenza fiscale

Invia il tuo quesito a [email protected]
I nostri esperti risponderanno alle domande in base alla loro rilevanza e all'originalità del quesito rispetto alle risposte già inserite in archivio.

Il nuovo programma di supporto gratuito Trinity per docenti di lingua inglese