Argomenti Consulenza fiscale

Tutti gli argomenti

Contributi figurativi, quando valgono per la pensione senza limiti?

Stampa
contributi figurativi

Contributi figurativi: quando c’è limite di utilizzo e quando, invece, non sono previsti limiti?

Buongiorno, ho compiuto 62 anni, sono docente di un istituto tecnico industriale di ruolo dal 2001 con periodo di contribuzione di preruolo e di ruolo 39 anni e 11 mesi. Inoltre ho il periodo di disoccupazione indennizzata INPS di 2 anni e 3 mesi. Per il calcolo della contribuzione complessiva, Vi chiedo se il periodo della disoccupazione indennizzata INPS deve essere sommato ai periodi di preruolo e ruolo. Vi ringrazio e invio cordiali saluti.

Ai fini del calcolo dell’assegno previdenziale spettante i contributi figurativi derivanti da indennità di disoccupazione sono sempre validi. Per il diritto alla pensione, invece, in alcuni casi bisogna raggiungere un certo numero di anni di contributi senza tenere conto dei contributi figurativi derivanti da disoccupazione indennizzata e malattia.

E’ il caso, per esempio, dell’opzione donna che richiede che tutti i 35 anni di contributi necessari alle lavoratrici per l’accesso al pensionamento siano perfezionati senza tenere conto dei contributi figurativi derivanti dalla disoccupazione indennizzata e dalla malattia.

O come nel caso della quota 100, per la quale è necessario che almeno 35 anni dei 38 richiesti per l’accesso, siano raggiunti senza conteggiare i contributi figurativi derivanti dalla malattia o dalla disoccupazione indennizzata.

Nella generalità dei casi, però le misure previdenziali non impongono questa netta suddivisione ed è sempre consentito, per accedere alla pensione di vecchiaia e all’anticipata, per esempio, utilizzare i contributi versati a qualsiasi titolo. Una eccezione è rappresentata dalla pensione anticipata, ma solo per chi  non ha contribuzione versata prima del 31 dicembre 1992: in questo caso per il raggiungimento del requisito di accesso contributivo possono essere utilizzati solo un massimo di 5 anni di contributi figurativi.

Nel suo caso, quindi, avendo soltanto 2 anni e 3 mesi di contribuzione figurativa derivante dall’indennità di disoccupazione indennizzata il problema non si pone assolutamente e può quindi, attualmente contare su 42 anni e 2 mesi di contribuzione totale.

Stampa
Consulenza fiscale

Invia il tuo quesito a [email protected]
I nostri esperti risponderanno alle domande in base alla loro rilevanza e all'originalità del quesito rispetto alle risposte già inserite in archivio.

Con i 24 CFU proposti da Mnemosine puoi partecipare al Concorso. Esami in un solo giorno in tutta Italia