Argomenti Consulenza fiscale

Tutti gli argomenti

Contributi che mancano alla pensione, si possono pagare tutti insieme?

WhatsApp
Telegram

Si possono versare contributi volontari per raggiungere i requisiti pensionistici, ma non in un’unica soluzione.

Molto spesso i lavoratori, pur non avendo raggiunto il diritto alla pensione, vogliono lo stesso smettere di lavorare e decidono di continuare a versare i contributi mancanti di tasca propria. La cosa è permessa dalla normativa, ma ci sono delle precise condizioni da rispettare.

Rispondiamo alla domanda di una nostra lettrice che ci scrive:

Buongiorno, sono nata il 18 ottobre 1965 al 30 giugno 2023 ho maturato 38 anni di contributi tutti versati nel comparto scuola. Se decidessi di dare le dimissioni volontarie posso pagare i contributi che mancano per un anticipo pensionistico? Se si potrei pagare in unica soluzione e accedere quindi alla pensione? Grazie

Contributi per la pensione e versamenti volontari

Se lei decidesse di smettere di lavorare ora che ha 58 anni e 38 anni di contributi, certamente potrebbe chiedere all’Inps l’autorizzazione per proseguire i versamenti contributivi con i contributi volontari a totale carico del lavoratore. I contributi volontari, però, non possono essere versati in un’unica soluzione per i circa 4 anni che le mancano per raggiungere il diritto alla pensione anticipata ordinaria.

I contributi volontari vanno versati trimestre per trimestre e, quindi, per versare i 4 anni mancanti impiegherebbe, appunto, 4 anni. L’unico modo per versare i contributi tutti insieme e pagarli in un’unica soluzione (o anche a rate se lo si desidera) è in caso di riscatto. Se ha anni di studio che può riscattare, in quel caso i contributi da riscatto possono essere pagati e valorizzati anche in un’unica soluzione. Nel caso dei volontari, per la prosecuzione dei versamenti, invece, questa strada non è percorribile e se la sceglie dovrà effettuare i pagamenti ogni trimestre andando a coprire quello appena trascorso.

Il discorso in questo senso è abbastanza semplice: i contributi devono riferirsi ad un determinato periodo e lei non può far valere nel 2023 contributi che vanno a coprire, ad esempio, 2024, 2025, 2026 e 2027 perché sono periodi che non possono essere riconosciuti in quando ancora non trascorsi. Per il passato, invece, si possono valorizzare solo periodi che non siano già coperti da contribuzione.

WhatsApp
Telegram
Consulenza fiscale

Invia il tuo quesito a [email protected]
I nostri esperti risponderanno alle domande in base alla loro rilevanza e all'originalità del quesito rispetto alle risposte già inserite in archivio.

Abilitazione all’insegnamento 30 CFU. Corsi Abilitanti online attivi! Università Dante Alighieri