Contratto, Uil: create condizioni per rinnovi soddifacenti

WhatsApp
Telegram

Comunicato Uil  – “Un accordo che riconosce il valore del lavoro pubblico e valorizza le professionalità, introducendo nuovi e più efficaci sistemi e criteri di valutazione, ma soprattutto risarcisce lavoratori bistrattati e penalizzati per tanti, troppi anni da un blocco inspiegabile e ingiustificabile”.

Aldo Pugliese, Segretario Generale della UIL di Puglia, esprime soddisfazione per la firma dell’accordo sul rinnovo del contratto del Pubblico Impiego, atteso da quasi otto anni. Soddisfazione condivisa dai Segretari regionali delle categorie del PI della UIL: Giuseppe Vatinno dell’FPL, Gianni Verga della Scuola, Riccardo Di Leo della PA e Domenico Raimondo della UIL RUA.

“L’accordo apre una pagina nuova nei rapporti tra Stato e Pubblica Amministrazione, una fase in cui, ci auguriamo, la PA non sarà più vista da una parte della politica come il rifugio dei fannulloni o un peso morto per la collettività, bensì come un settore cruciale e strategico su cui investire con decisione e su cui costruire, con efficienza, il futuro di questo Paese e del Mezzogiorno. Inoltre – spiegano i Segretari della UIL – l’intesa è propedeutica ai rinnovi contrattuali e restituisce alla contrattazione autonomia sia a livello nazionale che aziendale, consentendo l’inizio di una fase di recupero salariale dopo sette anni di blocco e il superamento delle rigide norme imposte sulla valutazione, senza dimenticare l’impegno a rivedere malattia, congedi e permessi.”.

“Al di là della questione economica, che è certamente vitale per chi ha pazientemente atteso sette anni che i propri diritti venissero rispettati e non più calpestati dall’Esecutivo di turno, fondamentale è la ritrovata centralità della contrattazione, che così riacquista il ruolo naturale per le  materie riguardanti l’organizzazione del lavoro, la lotta agli sprechi e la conseguente attribuzione ai lavoratori di parte delle risorse recuperate. L’augurio è che il percorso, finora perduto, della condivisione d’intenti rappresenti d’ora in poi la strada maestra da seguire non solo a livello nazionale, ma anche locale, nell’interlocuzione con le istituzioni regionali, comunali e metropolitane”.

“Ora – chiosano i Segretari – è il momento di passare velocemente alla pratica. Le condizioni per fare veri e soddisfacenti contratti per tutti i settori del Pubblico Impiego ci sono, nero su bianco: è il momento di accelerare i tempi per riconoscere fattivamente a tanti lavoratori i loro diritti, senza ulteriori indugi e speculazioni di sorta, per tornare a investire nella PA e superare di slancio la piaga del precariato, ancora dilagante anche nel settore pubblico”.

Ufficio Stampa UIL

WhatsApp
Telegram

Corso di perfezionamento in Metodologia CLIL: acquisisci i 60 CFU con Mnemosine, Ente accreditato Miur