Contratto statali. Precari per max 4 anni, assunti per concorso, permessi visite specialistiche, stretta sulle assenze

di redazione
ipsef

item-thumbnail

Da Ceripnews una sintesi delle novità introdotte nel nuovo contratto degli statali.

Ricordiamo che non si tratta ancora di quello specifico per la scuola e che gli aumenti stipendiali devono ancora essere concordati in via definitiva. Siamo in attesa dei risultati dell’incontro di ieri dei sindacati Flc Cgil, Cisl Scuola, Uil Scuola e Snals Confsal con il Sottosegretario De Filippo.

Assenze – Due assenze ingiustificate in continuità con le giornate festive comportano la riduzione del salario. La stessa sanzione è prevista per ingiustificate assenze di massa; se la condotta si ripete si passa al licenziamento. Quando in un ufficio si registrano tassi di assenteismo anomali a rimetterci saranno tutti gli impiegati che subiranno il taglio del monte premi.

Benefit – In fase di contrattazione di 2° livello le amministrazioni potranno riconoscere benefit ad hoc ai dipendenti (polizze sanitarie, borse di studio per i figli, biglietti gratis per i musei, prestiti facili, ecc.).

Buoni pasto – Lo statale ha diritto o alla mensa o al ticket sostitutivo pari per tutti a 7 euro.

Legge 104 – Di norma i permessi mensili ex lege 104 saranno inseriti in una programmazione mensile e solo in caso di “documentata necssità” la domanda potrà essere presentata nelle 24 ore precedenti. Le tutele previste per le terapie salvavita vengono estese anche ai giorni di assenza dovuti agli effetti collaterali dei trattamenti (con un limite di 4 mesi).

Molestie e benefit – Rafforzate le sanzioni per i molestatori che rischiano la sospensione fino ad un massimo di 6 mesi; se il comportamento è reiterato scatta l’espulsione. Via anche che chiede regali sopra i 150 euro come scambio di favori.

Orari flessibili – La P.a. apre agli orari flessibili con fasce di tolleranza in entrata e in uscita; viene potenziata anche la possibilità di passare al part time. Su base volontaria ed a titolo gratuito, il lavoratore può cedere ad altro dipendente che abbia necessità familiari (figli piccoli) o di salute, la parte che eccede la 4 settimane di ferie di cui ognuno deve necessariamente fuire. Si potranno spacchettare i giorni in ore, nel limite di 3 i permessi per motivi familiari o personali.

Premi – I bonus premiali saranno calibrati sulla produttività sia del singolo che del gruppo/ufficio di cui si fa parte. Il bonus da destinare ai “migliori” non può essere inferiore al 30% di quanto destinato al resto.

Tetto precari – I contratti a t.d. non possono superare i 36 mesi, prorogabili, in via eccezionale, di altri 12 mesi; come nel privato il numero dei dipendenti con contratto a t.d. non potrà superare il 20% del totale; superate le soglie non si potrà essere assunti (si entra solo per concorso), ma l’esperienza maturata farà punteggio.

Visite specialistiche – Previsti permessi ad hoc per le visite specialistiche.

Versione stampabile
anief banner
soloformazione