Contratto. Siano i lavoratori della scuola a decidere con un referendum se accettare o meno 85 euro. Lettera

di redazione
ipsef

item-thumbnail

Libero Tassella – Ai sindacalisti seduti al tavolo per il rinnovo del contratto scuola. Alzatevi da quel tavolo, non ci sono le condizioni minime per il rinnovo del contratto della scuola in questa legislatura.

Crediamo che voi lo abbiate capito, noi lo abbiamo capito molto bene e se avete ancora dei dubbi, organizzate un referendum tra la categoria, tra iscritti e non iscritti, considerando che questo contratto voi lo firmereste per tutti noi, meglio sarebbe dire contro tutti noi.

Chiediamo ai segretari generali di Flc Cgil, Cisl, Uil, Snals e Fgu di iniziare, una volta rotta ogni trattativa, lo sciopero della fame e di promuovere attraverso le strutture periferiche del sindacato il blocco delle attività aggiuntive in tutte le scuole.C

hiedete alle vostre RSU di essere contrastive o di rassegnare le dimissioni.

In caso contrario gli iscritti continueranno a fare disdette e vi renderemo la vita difficile a marzo, allorquando verrete a chiederci di presentare liste per le elezioni delle RSU o di candidarci per misurare la vostra rappresentatività , di cui poco ci importa, ma che voi fino ad adesso non avete saputo utilizzare a nostro favore, ma avete imbrigliato la nostra forza di circa un milione di lavoratori.

Versione stampabile
anief
soloformazione